TRANSLATE THIS BLOG

martedì 27 dicembre 2016

La notte di Natale presepi profanati in tutta Italia


Come ogni anno a Natale, anche stavolta tornano purtroppo ovunque le profanazioni a danno dei presepi, vile oltraggio ed ostentato spregio della fede e della tradizione cristiana.

Il primo caso ha riguardato la statua di Gesù Bambino nel presepe della piazza di Bariano, danneggiato subito poche ore dopo la Santa Messa di Mezzanotte all’altezza del braccio sinistro ed alle dita, spezzate su entrambe le mani. I fedeli, sentitisi feriti nei propri sentimenti più cari, hanno istituito una sorta di “taglia” per chi individui i colpevoli.

domenica 25 dicembre 2016

E’ più cristiano il "Natale consumistico” delle bancarelle che i pistolotti moralistici del mondo clericale


L’altro ieri, nell’editoriale di “Avvenire”, giornale dei vescovi, Enzo Bianchi assicurava che i terroristi di Berlino non ce l’avevano con il Natale cristiano:

“A Berlino la calamita per l’attentatore non è stato il Natale in sé, ma la sua commercializzazione diffusa: non certo la celebrazione del mistero cristiano dell’incarnazione, bensì la sua riduzione – sovente lamentata anche dagli stessi cristiani – a gioioso mercato di doni e di regali, di profitti e di buoni sentimenti a basso prezzo”.

Adeste fideles (Venite fedeli)


Adeste fideles è un canto natalizio di cui non esistono prove sufficienti per attribuirne la paternità ad un nome preciso. L'unica certezza che emerge dalla documentazione esistente è il nome del copista, cioè di colui che trascrisse materialmente il testo e la melodia: sir John Francis Wade, che lo avrebbe trascritto da un tema popolare irlandese nel 1743-1744 per l'uso di un coro cattolico, a Douai, cittadina nel nord della Francia, a quel tempo importante centro cattolico di riferimento e di rifugio per i cattolici perseguitati dai protestanti nelle Isole britanniche.

venerdì 23 dicembre 2016

Magdi Cristiano Allam: Differenze tra Gesù e Maometto.


Il libro di Magdi Cristiano Allam: “Grazie Gesù. Parla della conversione dall’islam al cattolicesimo” (Mondadori, Milano 2008, pp. 204). La monaca di clausura, suor Maria Gloria Riva, ha raccontato sul numero di maggio della rivista apologetica “il Timone” le tappe della conversione al Cattolicesimo di Magdi Allam, famoso scrittore e giornalista, vicedirettore ad personam del Corriere della Sera che nella notte di Pasqua del 2008 ha ricevuto in san Pietro direttamente dal papa il sacramento del battesimo. In Italia l’islam si è talmente avvicinato, da porre oggi concreti problemi giuridici, a cui siamo in parte impreparati, infatti oggi non esiste più uno stato cattolico vi è invece uno stato laico che regola i suoi rapporti con la Chiesa cattolica mediante il Concordato e che stipula di volta in volta intese con le altre confessioni religiose minoritarie.

"Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce" (Isaia 9,1)

Chiese moderne, cioè catto-luterane

Le nuove chiese sono spesso costruite mettendo in pratica (con qualche secolo di ritardo) i principi eretici del protestantesimo

"Si ordina che tutti gli altari siano rimossi e demoliti, che le nuove mense eucaristiche, abbandonata la parete orientale, siano poste in qualche altro luogo adatto e conveniente; che tutte le balaustre rimosse e che il pavimento di qualsiasi presbiterio venga livellato alla pari con il resto dell'aula; che i candelabri siano tolti dalla tavola eucaristica e non vengano più usati; che tutti i crocifissi, le croci e tutte le immagini e i dipinti di una o più persone della Trinità o della Vergine Maria, e tutte le altre immagini di santi o iscrizioni superstiziose siano eliminate e cancellate e che non ne vengano introdotte di nuove... Che tutti gli organi, con le loro casse e cornici, siano rimossi e non più reintrodotti e che le cappe, i piviali, i paramenti, le croci processionali e i fonti battesimali, siano ugualmente eliminati".

mercoledì 21 dicembre 2016

"Gesù bambino cerca di non far licenziare la mamma"


Sofia è la figlia di una delle 120 dipendenti della Santa Teresa, società partecipata della Provincia di Brindisi, che dal 19 gennaio rischiano di essere licenziati dopo lo smantellamento dell'ente a seguito della riforma Delrio. La piccola ha deciso di rivolgersi a qualcuno di "important" affinché la madre non perda il lavoro.

Islamico irrompe alla festa di Natale e indottrina i bimbi col Corano


L'irruzione di un islamico durante una festa per l'Avvento di una scuola materna ha scosso la comunità di Oberdorf vicino a Schwanenstadt, in Svizzera.

Domenica sera i bambini insieme ai genitori stavano festeggiando il Natale con la classica rappresentazione natalizia, quando un uomo - "in evidente stato confusionale" -, vestito con gli abiti islamici e armato con il Corano ha bloccato tutto e urlato "Allah".

martedì 20 dicembre 2016

Berlino, camion contro la folla: nove morti al mercatino di Natale


L'orrore piomba su Berlino. Un camion lanciato a tutta velocità ha travolto la folla che si trovava a passeggiare tra le bancarelle del mercatino di Natale a Breitscheidplatz, nel quartiere di Charlottemburg.

I media locali parlano di almeno nove morti e decine di feriti. La polizia tedesca ritiene probabile, secondo le prime informazioni raccolte, che si tratti di un attentato terroristico. Il tabloid britannico Sun, che cita il quotidiano conservatore americano Washington Times (considerato vicino alla Cia), riferisce che Isis ha rivendicato la responsabilità dell'attentato. Il Times cita come fonte le Forze di Mobilizzazione Popolari irachene, le forze sciite che stanno combattendo per liberare Mosul.

lunedì 19 dicembre 2016

Brescia, a Natale la scuola proibisce di pronunciare il nome "Gesù"


Fa discutere la scelta di una dirigente scolastica che ha censurato la parola "Gesù" dal testo di un canto natalizio per bambini. Proteste del sindaco

Che senso ha far eseguire i canti natalizi se poi dai testi viene censurato il nome di Gesù? Se qualcuno ha una buona risposta, lo segnali perché noi non ne troviamo.

Eppure è quello che è successo a Pontevico, in provincia di Brescia, dove la dirigente scolastica delle scuole elementari ha riscritto il testo della canzone "Canta perché è nato Gesù". La nuova versione rivista e corretta recita ora "Canta perché è festa per te".

domenica 18 dicembre 2016

Come recitare il Rosario

Il Santo Rosario è un'arma potentissima contro satana che lo trafigge di spine, per questo è anche la preghiera che la Madonna ha sempre detto di preferire. Diffidate da chi vi dice che il Rosario non serve a nulla o da chi vi scoraggia nel praticarlo, specie dai protestanti e dalle sette protestanti che si trovano nel web. Ignorateli, perché al contrario, è una potente difesa per il credente cristiano cattolico contro le insidie e i disturbi del demonio e dei suoi agenti.

Questo schema presentato quì sotto è una guida utile per chi ancora non sa come praticarlo.
  • passo: spiegazione della sequenza del Rosario.
  • passo: illustrazione della corona del Rosario.
  • passo: elencazione dei Misteri del Rosario.

sabato 17 dicembre 2016

Toccare le pietre che ha toccato Lui


Sulle tracce di Cristo. Un viaggio che intreccia le strade e i luoghi con le pagine vive del Vangelo, e con le parole di chi è stato Maestro e guida di un grande Movimento

Ripercorrere i luoghi della Redenzione. Mettere i piedi sulle pietre calpestate da Gesù, a Cafarnao, a Cana, a Nazareth. Salire sull’imbarcazione che attraversa il Lago di Tiberiade, rivivendo le paure e le speranze di quel gruppo di uomini che seguivano il Maestro. Percorrere le strade anguste di Gerusalemme, nelle quali il Figlio dell’Uomo portava su di sé la sua e la nostra Croce. È il viaggio straordinario che trent’anni fa Luigi Amicone ha appuntato nei luoghi della fede, giorno dopo giorno, in compagnia di monsignor Luigi Giussani, e che oggi ci ripropone, senza che una sola riga abbia perduto di attualità. Un viaggio che intreccia le pietre, le montagne, i mari, con le pagine vive e concrete del Nuovo Testamento, e con la parola annotata di chi è stato Maestro e guida di tante generazioni e di un grande Movimento.

A Lourdes ho visto Cristo vivo


Una rassegna dei casi di guarigione e dei momenti di preghiera e devozione dei pellegrini che porta l’autore del Padrone del mondo a scardinare ogni pregiudizio iniziale

«Dove, se non nella Chiesa Cattolica, avvengono cose come quelle che ho avuto il privilegio di vedere? Provate a immaginare dei miracoli a Manchester! Sicuramente accadrebbero anche lì se ci fossero abbastanza cattolici riuniti nel Suo Nome. Invece, al posto di Manchester, mettiamo l’Exeter Hall o la St. Paul’s Cathedral! Il solo pensiero è del tutto assurdo. No, la cristianità di Gesù Cristo vive unicamente nella Chiesa Cattolica».

lunedì 12 dicembre 2016

Tre clandestini a Potenza: "Più soldi o vi decapitiamo"


La stampa estera ha ripreso la notizia, da noi passata quasi inosservata. Se ne sono occupati un paio di blog e La Gazzetta del Mezzogiorno, peraltro “edulcorando” il titolo: «”Dacci più soldi”: arrestati a Potenza tre immigrati», il che non spiega per intero quale sia stata realmente la minaccia. La si capisce solo leggendo l’articolo: «Dateci più soldi o vi decapitiamo!», toni più aspri e decisamente sopra le righe quelli usati da tre clandestini – uno della Nigeria e due del Gambia -, ospiti del centro di accoglienza allestito nell’ex-Ferrotel, nei pressi della stazione di Potenza centrale, evidentemente insoddisfatti del trattamento economico loro riservato – peraltro gratis – dallo Stato Italiano.

La bestemmia


“Non pronuncerai invano il nome del Signore, tuo Dio, perché il Signore non lascia impunito chi pronuncia il suo nome invano” (Esodo 20, 7)

RITRATTO DELLA BESTEMMIA

Dire che la bestemmia è una gravissima offesa al nome santo di Dio è dare una definizione esatta, ma un po’ fredda, arida, scheletrica, che non riesce a esprimere a sufficienza la drammaticità e la gravità mostruosa di quel fenomeno diabolico. Come non ci sono parole che possano esprimere fino in fondo la grandezza e la maestà infinita di Dio, così non ci sono parole che possano esprimere fino in fondo l’abisso di malizia e di miseria morale che è racchiuso nella bestemmia.

mercoledì 7 dicembre 2016

L'amministratore disonesto (Lc 16,1-9)


«C'era un uomo ricco che aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: Che è questo che sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non puoi più essere amministratore. L'amministratore disse tra sé: Che farò ora che il mio padrone mi toglie l'amministrazione? Zappare, non ho forza, mendicare, mi vergogno. So io che cosa fare perché, quando sarò stato allontanato dall'amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua. Chiamò uno per uno i debitori del padrone e disse al primo: Tu quanto devi al mio padrone? Quello rispose: Cento barili d'olio. Gli disse: Prendi la tua ricevuta, siediti e scrivi subito cinquanta. Poi disse a un altro: Tu quanto devi? Rispose: Cento misure di grano. Gli disse: Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta. Il padrone lodò quell'amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. Ebbene, io vi dico: Procuratevi amici con la disonesta ricchezza, perché, quand'essa verrà a mancare, vi accolgano nelle dimore eterne. (Luca 16,1-9)

Arriva un film di grande attualità sulle persecuzioni di cristiani in Giappone: Silence, di Martin Scorsese


“Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma tutto questo vi faranno a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato… …Vi ho detto queste cose perché abbiate pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo!” (Gv 15,20-21; Gv 16,33)

Silence, è il nuovo film di Martin Scorsese ambientato in Giappone durante le persecuzioni di cristiani cattolici nel 17° secolo. La pellicola uscirà negli Stati Uniti a dicembre e in Italia il 12 gennaio 2017 ma è stato proiettato in anteprima in privato nella filmoteca vaticana assieme al regista, la moglie Helen e la figlia caterina, e a una sessantina di persone in presenza di papa Francesco.

domenica 4 dicembre 2016

Gloria Polo, la donna che vide l'inferno


GLORIA ERA CLINICAMENTE MORTA E SAREBBE ANDATA ALL'INFERNO, SE DIO NON LE AVESSE CONCESSO UNA SECONDA POSSIBILITÀ, ATTRAVERSO LA PREGHIERA DI UNO SCONOSCIUTO.

Da un fulmine che incenerì quasi tutto il corpo di Gloria, e che la portò alle porte dell'inferno, nasce la testimonianza di quanto possa la preghiera presso la misericordia di Dio

INTRODUZIONE

Questa bella esperienza della fede dura già da 13 anni (*). E' stato un gran regalo della grazia di Dio, quando nella Sua Misericordia mi ha permesso di camminare nella mia vita come cattolica. Provo una gran pena quando ripenso ai passati anni della mia vita, in cui ero "cattolica dietetica". Ringrazio Dio di avermi dato la Chiesa Cattolica come Madre. Sono profondamente riconoscente nel nome di Gesù Cristo al Papa, Suo rappresentante, ai sacerdoti e ai consacrati della Chiesa Cattolica Romana. Li seguo ciecamente perché proprio tale era l'ordine del Nostro Signore GESÚ CRISTO, quando mi ha permesso di ritornare nella vita terrena. Durante l'adorazione del Santissimo Sacramento - io, indegna e misera serva del Signore - potevo provare la felicità e la delizia della vera pace e del vero amore che costituiscono l'inizio della vita celeste. Invito con tutto il cuore tutti i cristiani a conoscere meglio e più esattamente la Chiesa Cattolica Romana, prima che ne parlino male e con odio, in modo che sappiano che essa è la guardiana della vera fede, stabilita dal Signore. Invito tutti a diventare ed a essere adoratori del Nostro Signore e Dio! Chi tutti i giorni va a trovare il Nostro Signore GESÚ CRISTO nel Santissimo Sacramento e Lo adora, non dubiterà mai, quale sia la vera fede, Dio stesso dà ad ogni creatura amore e gratitudine verso la Santa Madre Chiesa, cioè la Chiesa Cattolica.

Amo tutti voi e vi abbraccio nell'Amore del Nostro Signore GESÚ CRISTO. 

Gloria Polo

mercoledì 30 novembre 2016

Come cresce l’economia fuori dall’UE


Un mantra ha accompagnato la politica comunitaria europea nell’ultimo venticinquennio. La competitività. Economisti, intellettuali e filosofi hanno, più o meno, persuaso l’opinione pubblica europea della necessità di stare nell’Unione per “essere più competitivi sui mercati internazionali” e poter concorrere con i BRICS emergenti (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica). Sul sito ufficiale del Parlamento europeo si può leggere come “la politica industriale dell’Unione ha lo scopo di rendere l’industria europea più competitiva in modo che possa mantenere il proprio ruolo di elemento motore per la crescita sostenibile e l’occupazione in Europa”. Come poi dimenticare l’infelice uscita dell’ex Primo Ministro italiano Romano Prodi: “Con l’euro lavoreremo un giorno di meno guadagnando come se lavorassimo un giorno di più”. Insomma uniti si lavora meglio, questo è il sunto. Vediamo dunque, dati alla mano, quelle che dovrebbero essere le differenze tra le condizioni economiche dei paesi europei dentro l’Unione e chi, pur stando geograficamente in Europa, ha deciso di non dare importanza alla competitività.

I poteri che spacciano bugie


Nel 2011 lo spauracchio inventato dalle centrali politico-finanziarie ostili fu lo spread, oggi è rappresentato dalle banche in fallimento

Non ci sono più le stagioni di una volta ma neppure i giornali di una volta. Solo pochi giorni fa il Financial Times, il più importante quotidiano economico europeo, aveva spacciato per verità l'uscita certa dell'Italia dall'Euro in caso di vittoria del «No».

lunedì 28 novembre 2016

Francia: chiesa assaltata e data alle fiamme in pieno giorno


Chiesa assaltata, saccheggiata e poi data alle fiamme in pieno giorno: è accaduto a Zuydcoote, in Francia, venerdì 25 novembre, tra mezzogiorno e le 13. Ignoti si sono introdotti nell’edificio sacro, intitolato a San Nicola, ed hanno iniziato a profanarlo, staccando i quadri, distruggendo gli arredi, mandare in frantumi le statue, come quelle di Bernadette e della Madonna, andate perse benché di un certo valore. Devastato anche il tabernacolo, ma la pisside è provvidenzialmente rimasta intatta. Poi le fiamme hanno ingoiato tutto: i malviventi hanno acceso un fuoco con un banco della chiesa distrutto e con alcuni giornali trovati sul posto. Nulla è stato risparmiato.

sabato 26 novembre 2016

Paese ungherese vieta moschee, muezzin e veli: "Difendiamo le nostre tradizioni"

Il "muro" sul confine ad Asotthalom. Da telegraph.co.uk
Il consiglio municipale di Asotthalom, sul confine con la Serbia, ha adottato le misure per proteggersi dalle imposizioni Ue sulla distribuzione dei clandestini

Fidel, il Líder Maximo che ha perseguitato i cristiani finché ha potuto


Dietro gli incontri ufficiali con i Papi e le strette di mano, Fidel Castro è stato uno spietato tiranno anche con i cristiani

Roma. L’ultima volta che Fidel Castro ha incontrato il Papa risale a poco più di un anno fa. Era settembre e Francesco, prima di mettere piede negli Stati Uniti, aveva deciso di fare tappa a Cuba. Trenta minuti di colloquio a casa del dittatore in pensione, al termine della messa che era stata celebrata nella piazza della Rivoluzione dell’Avana. Il clima, raccontò Padre Federico Lombardi, all’epoca direttore della Sala stampa vaticana, era stato cordiale e informale. Francesco aveva donato a Fidel due libri di Alessandro Pronzato sull’umorismo e la fede, alcuni cd del gesuita Armando Llorente, morto nel 2010 e professore di Castro quando quest’ultimo aveva studiato dai gesuiti, una copia dell’enciclica Laudato Si' e una dell’esortazione Evangelii Gaudium. Da parte sua, l’anziano Líder Maximo in tuta Adidas aveva contraccambiato con il volume “Fidel e la religione”, di Frei Betto. Temi dell’incontro: difesa dell’ambiente e attualità.

giovedì 24 novembre 2016

Il campo profughi senza regole, tra alcol, furti e sporcizia viaggio nel campo profughi dove le regole non esistono, e cristiani vietati


Medicine finte, vodka vera e cristiani vietati: il racconto di un mese da volontaria in un campo profughi di Udine (Tratto da ilgiornale.it)

Caserma CavarzeraniUdine. Un tempo i militari, oggi i profughi, fra i 700 e gli 800. Pakistani e afghani. Abbiamo vissuto dall'altra parte, per circa un mese, la gestione dell'emergenza ordinaria, fra le fila della Croce Rossa.

Scope, secchi e spazzoloni: ad un operatore Cri, appena entrato, vengono dati in mano questi strumenti di lavoro. «Stiamo scherzando?». No. Le pulizie competono a noi.

Fuori dalle finestre delle strutture si trovano lenzuola sporche, stracci, coperte e immondizie varie. Moltissimi le buttano fuori dalle finestre e dalla tende. «Noi siamo islamici puliti, perché questo lo dice il Corano, ma questi sono animali», lo sfogo di un albanese (islamico) che lavora per la ditta che ha l'ingrato compito di pulire i bagni.

E’ questo il tempo dell’apocalisse? Un altro grande segno sorgerà nel cielo


Tratto dal sito "The Remnant". Il 23 settembre 2017, vedremo la costellazione della Vergine sorgere direttamente da dietro il sole (la donna vestita di sole di Apo 12,1-5). Questo evento trasparirà durante il 100° anniversario delle apparizioni della "donna vestita di sole," cioè di Nostra Signora di Fatima nel 1917. Che cosa significa questo?

[Nota editoriale: Nel seguente articolo, presenterò una serie di fatti e di osservazioni da cui non ne trarrò alcuna conclusione definitiva, e non rientrano in nessuna previsione. Offrirò solo le mie osservazioni su alcuni fenomeni in arrivo, entrambi naturali e artificiali, potenzialmente di grande importanza, di interesse pubblico e di cui la gente dovrebbe esserne al corrente.]

mercoledì 23 novembre 2016

Cristiani discriminati in Francia


Nei primi cinque mesi del 2016 gli atti di violenza o discriminazione contro i cristiani in Francia, sono stati 233.

In media, un attacco al giorno, contro chiese, tombe, cimiteri, statue. Ma ci sono stati anche cyber-attacchi o episodi di limitazione della libertà di espressione. Lo testimoniano i dati forniti dal Rapporto 2016 sulla libertà religiosa nel mondo, edito dalla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre. Inoltre, secondo i numeri forniti dal criminologo francese Xavier Raufer, che cita, in esclusiva sul sito di news francese Atlantico, le cifre fornite proprio al ministro dell’Interno francese, Bernard Cazeneuve, dal Service central du reinseignement territorial, da gennaio a settembre di quest’anno, le aggressioni contro i cristiani sarebbero aumentate del 40%.

lunedì 21 novembre 2016

Roma, M5S chiede di abolire la messa di Natale. Fratelli d’Italia: è ridicolo


Niente messa di Natale, offende il dialogo interreligioso. E scatta la polemica dopo la denuncia di Fratelli d’Italia, scrive il secoloditalia.it

«La risoluzione presentata dal M5S in municipio XIII, con la quale si chiede di abolire la tradizionale messa di Natale, che da sempre viene celebrata all’interno della struttura municipale, è semplicemente ridicola», denunciano in una nota Maurizio Politi, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Andrea Saponaro e Camilla Trombetti, dirigenti del partito di Giorgia Meloni. «La deriva grillina è figlia della peggiore cultura nichilista del nostro tempo, dove in nome di una non definita tolleranza, si decide scientemente di rinunciare alle proprie tradizioni», aggiungono.

Irlmaier parlava del nostro tempo?

Cercare di risalire alle vere previsioni di Alois Irlmaier (1894-1959), il contadino che visse a Freisslassing in Baviera, è difficile. Bisogna (soprattutto non sapendo il tedesco) affidarsi a traduzioni e resoconti su discutibili pubblicazioni e siti che non si sa come definire (“profetistici”?) dove alcune frasi del contadino bavarese sono messe a confortare quartine di Nostradamus, profezie della Madonna di Anguera, visioni di Hezra e di Rasputin, che temo siano “entità” evocate in sedute spiritiche; difficile, in quei guazzabuglio, sceverare le sue frasi reali.

domenica 20 novembre 2016

Immigrazione e integrazione, doveri e diritti secondo gli articoli del catechismo cattolico. Leggere bene prima dell'uso


L'Unione Europea, in accordo con l'amministrazione americana uscente Obama/Clinton (e speriamo che se ne vadano una volta per tutte ndr), le èlite massoniche mondialiste burattinaie, e con la speciale collaborazione del papa di larghe vedute più irresponsabile mai apparso prima nella storia, cioè papa Bergoglio, ha imposto ai vari paesi euro-comunitari l'integrazione dei profughi nordafricani e musulmani, tra i quali però ci sono anche cristiani, in fuga dai loro paesi "destabilizzati" dalla Primavera Araba del 2011, dalle guerre della jihad e dalle incursioni dell'Isis in medio oriente.

sabato 19 novembre 2016

Che fine ha fatto Robert Powell, il Gesù di Nazareth di Franco Zeffirelli?


In realtà era stato scelto per interpretare il ruolo di Giuda nella grande produzione de Il Gesù del maestro Franco Zeffirelli, ma nei giorni precedenti il primo ciak, mentre venivano fatte le prove per le luci, lui si presentò con l’abito di scena e i lunghi capelli sciolti sulle spalle. Fu allora che una sarta presente cadde di colpo in ginocchio mormorando: “Signore!” e cambiando per sempre sia la storia del film che il destino di Robert Powell.

venerdì 18 novembre 2016

"Così i profughi vogliono islamizzare la Germania"


Un'interprete nei campi dei rifugiati rivela: "Disprezzano questo Paese e i suoi valori. Per i cristiani solo odio, impediscono ai figli di fraternizzare"

“Quelli che vengono qui sognano una Germania islamizzata, non c’è spazio che per l’odio nei rapporti con i cristiani”.

L’intervista a un’operatrice nei campi d’accoglienza tedeschi rischia di trasformarsi in un caso internazionale e di azzoppare, definitivamente, l’immagine della Bundeskanzlerin Angela Merkel e della sua politica delle porte aperte.

mercoledì 16 novembre 2016

Referendum: Il giudice Ferdinando Imposimato spiega con estrema lucidità perché votare NO (VIDEO)


IL GIUDICE FERDINANDO IMPOSIMATO SVELA LA VERITA' SUL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE 2016, E AFFERMA CHE IL GRUPPO MASSONICO BILDERBERG CHE COMANDA IN ITALIA E' IN REALTA' UN GRUPPO TERRORISTICO. “CI SONO POTERI ESTERNI CHE COMANDANO IN ITALIA. QUESTO CI DEVE PREOCCUPARE NOTEVOLMENTE”. 

La donna deve portare sul capo il segno dell’autorità di Cristo durante le azioni liturgiche

Il velo muliebre in Chiesa: origine e significato

Perché S. Paolo consiglia alle donne di tenere il capo coperto durante le azioni liturgiche?

Il Codice di Diritto Canonico del 1917 prescriveva alle donne di tenere il capo coperto in Chiesa, soprattutto al momento della Santa Comunione [1]. Nel nuovo Codice non c’è traccia di questa disposizione e ormai questa antica e venerabile usanza è caduta nel dimenticatoio; eppure essa era fondata su una disposizione dello stesso Apostolo San Paolo. Ma, tra l’esegesi razionalista moderna, che tende a storicizzare tutte le disposizioni particolari (“roba d’altri tempi...”), e il famigerato luogo comune per cui “l’uomo di oggi” non sarebbe più in grado ci capire certe cose, anche la consuetudine, per le donne, di coprire il capo in chiesa, è andata perduta.

Come e quando agisce Satana


Il più grande problema che di secolo in secolo ha turbato i sonni di chi intende occuparsi di queste realtà è comunque quello di capire COME e QUANDO.

Si può raggiungere la certezza che ci siano realmente realtà spiritiche o non si tratti invece di autentiche malattie, ed è questa difficoltà di fondo che induce molti a dubitare dell'esistenza di questa realtà, scaricando ingiustamente tutto sulle malattie mentali o nervose.

Barcellona abbandona l'Euro e lancia una moneta locale per stimolare l'economia


Al via tra il 2017 e il 2018 il test in tre quartieri della città catalana. Aiuterà il commercio locale rafforzando iniziative di economia sociale e solidale

La città di Barcellona si prepara ad abbandonare l'Euro, sperimentando una nuova moneta. Una divisa per il momento virtuale a tutti gli effetti, scrive martedì 12 novembre El Pais, che dedica all'argomento anche un editoriale: non se ne conosce il nome, molti dettagli devono essere ancora definiti, non avrà consistenza fisica ma girerà su smartphone e tablet. La moneta verrà testata tra il 2017 e il 2018 in tre quartieri dell'area metropolitana. Quando se ne iniziò a parlare, il vicegovernatore Fernando Restoy l'aveva definita "impossibile".

lunedì 14 novembre 2016

Soros prepara la guerra a Trump


George Soros sta preparando la sua dura battaglia contro il neo-presidente Donald Trump. Dopo aver fomentato e finanziato, attraverso le associazioni a lui vicine ,le proteste di questi giorni nelle principali città statunitensi contro il tycoon, lo speculatore finanziario presidente della Open Society Foundations e della Soros Fund Management, ha radunato altri ricchissimi finanziatori della campagna elettorale della sconfitta Hillary Clinton in un incontro di tre giorni a porte chiuse che si sta tenendo in queste ore a Washington. A darne notizia è il sito d’informazione statunitense Politico, entrato in possesso dell’ordine del giorno dell’incontro e della lista degli ospiti.

domenica 13 novembre 2016

Immagine della moderna e omologata Jezebel


E’ finita finalmente la corsa alla casa bianca con la vittoria del tycoon di origine scozzese Donald Trump, contro la candidata democratica Hillary Clinton, mostrando il peggio che si poteva desiderare da una campagna elettorale fatte di accuse, volgarità e colpi bassi, e manifestazioni violente per capitolare nel colpo di scena, il popolo a maggioranza cristiano non vuole una falsa democrazia satanica e opprimente che imponga regole anti-costituzionali e senza Dio, per questo ha vinto Donald Trump. Tuttavia non si escludono disordini e attentati sempre più crescenti da parte dei campioni della democrazia che con le loro gesta (fomentate e finanziate da Soros) vanno contro la democrazia stessa.

Si rifiuta di togliersi il burqa: condannata immigrata islamica


San Vito al Tagliamento, provincia di Pordenone: un'islamica prende parte al Consiglio comunale dei ragazzi col velo integrale. Condannata a 4 mesi di carcere

sabato 12 novembre 2016

I falsi manifestanti contro Donald Trump in America? Pagati da George Soros!

 

Pubblicati annunci per l'assunzione di attivisti che manifestino contro il presidente. Il finanziatore occulto è proprio il noto speculatore finanziario

Va bene la delusione per la batosta subita, va bene che non a tutti The Donald può risultare simpatico, ma le manifestazioni poco democratiche e piuttosto violente contro il nuovo presidente spuntate a macchia di leopardo in diverse città americane all'indomani del successo del candidato repubblicano avevano qualcosa di sospetto. A New York la polizia ha arrestato trenta persone che davanti alla Trump Tower. Almeno un centinaio le persone fermate in tutto il paese, da Los Angeles, a Chicago.

Il Papa "eletto" anti Trump ma il tycoon piace ai cattolici


Bergoglio: "Mi interessa soltanto se fa soffrire i poveri". Eppure la maggioranza dei fedeli ha votato per il presidente

Il Vaticano resta in attesa prima di prendere una posizione sul fenomeno Trump ma certo le premesse non sembrano le migliori.

Il magnate newyorkese in effetti ha tutte le caratteristiche per risultare sospetto agli occhi della Santa Sede: è ricco, poco diplomatico e per giunta molto duro sull'immigrazione illegale. Il Papa, in un colloquio con Repubblica, dopo aver premesso di non voler dare «giudizi sulle persone e sugli uomini politici» aggiunge però un pensiero che sembra ritagliato sul nuovo presidente Usa: «Voglio solo capire quali sono le sofferenze che il loro modo di procedere causa ai poveri e agli esclusi». Tanto che il quotidiano di De Benedetti titola: «Trump? Non giudico. Mi interessa soltanto se fa soffrire i poveri».

venerdì 11 novembre 2016

San Pier Damiani e l’omosessualità come il peggiore dei vizi

Il martellamento mediatico (condotto con le tecniche già ben collaudate dai grandi totalitarismi dello scorso secolo, allo scopo di confondere il male con il bene), sta annebbiando milioni di cervelli, ai quali è stato imposto di accettare come assolutamente normale il ripugnante vizio dell’omosessualità. Non solo: si è avviata a livello planetario un’opera diabolica di corruzione della gioventù, insegnando nelle scuole la “naturalezza” di quanto per definizione è contro-natura.  La retta ragione ha sempre respinto l’omosessualità, per la quale qualsiasi individuo sano prova repulsione. E’ però preciso dovere dei cattolici ricordare anche l’immutata Dottrina della Chiesa in materia, perché un buonismo cretino rischia di portare solo confusione, inducendo anche taluni sprovveduti a compromessi con i sostenitori delle perverse idee omosessualiste. Ci sembra perciò di grande utilità riproporre ai nostri lettori alcuni articoli in materia di omosessualità, già pubblicati su Riscossa Cristiana. Oggi rileggiamo un articolo di Don Marcello Stanzione sul giudizio di San Pier Damiani.

Popolo versus élite


Il funerale del mainstream occidentale è stato celebrato ufficialmente ieri con la vittoria campale di Donald Trump. Infatti tutti i commentarori delle grandi catene televisive dell’Occidente (e, di conseguenza, quelli che hanno invaso le reti tv italiane) erano in lutto profondo.

“Addio, assassino”: a Washington srotolato maxi striscione contro Obama


Dal ponte Arlington della capitale degli Stati Uniti, situato a meno di 1 miglio dal Pentagono, è stato srotolato un maxi striscione con la scritta “Addio, assassino!” (goodbye murderer) sullo sfondo del volto del presidente uscente Barack Obama.

Tutti attaccavano Trump, ora gli fanno i complimenti e vogliono collaborare con lui


Da Theresa May a Renzi, da Hollande alla Merkel. Tutti prendevano le distanze, ora invece chiamano Trump per complimentarsi, gli fanno gli auguri e dicono di voler collaborare con gli Stati Uniti

A volte rasentando il ridicolo. Pensate a Trump. Da quando ha deciso di candidarsi per la Casa Bianca, mostrandosi per quello che era, subito è scattato il fuoco di fila per bloccarne l'ascesa. Uno sbarramento messo in piedi non solo, com'era ovvio, dai democratici, contro cui il tycoon si batteva, ma anche all'interno del Partito repubblicano, che per tutta la durata delle primarie ce l'ha messa tutta per far deragliare il "treno Trump".

giovedì 10 novembre 2016

Mel Gibson è pronto a sconvolgerci di nuovo con Resurrection


A dodici anni dal controverso La Passione di Cristo, Mel Gibson torna con Resurrection, il sequel che vedrà la luce fra tre anni. «Non solo un film sulla resurrezione, ma su tutti gli eventi che la circondano», ha dichiarato l'attore e regista al The Late Show

mercoledì 9 novembre 2016

L’ultima moda dei clandestini: cacare sull’altare


L'atto sacrilego a Caronno Pertusella, comune varesino alle porte di Milano. La gente non ha dubbi: il colpevole è un immigrato musulmano

Non bastavano gli extra ubriachi che defecano, a notte fonda, in un angolo della banchina della linea Tre metropolitana di Affori Centro a Milano. Adesso fa tendenza farla direttamente in chiesa, vicino all’altare. È successo a Caronno Pertusella, alla porte di Milano, nella Chiesa della Purificazione in via Adua, quartiere ad alta concentrazione di clandestini ed immigrati, perlopiù marocchini, accolti a braccia aperte dall’uscente amministrazione targata PD. È accaduto venerdì della scorsa settimana ma solo oggi la stampa ne ha dato notizia. Il gesto sacrilego – perché tale è stato interpretato dai parrocchiani, che hanno escluso la bravata di qualche giovinastro – è stato commesso probabilmente al mattino presto.

Un altro crocifisso distrutto a mazzate: solo follia?

Ha preso a mazzate un crocifisso: è accaduto in pieno giorno ed in pieno centro a Carinaro, in provincia di Caserta. Qui un pachistano ha danneggiato, inveendo, il simbolo religioso, custodito in una nicchia in piazza Caduti in Guerra. I passanti hanno subito allertato le forze dell’ordine. Dopo il gesto blasfemo, l’uomo ha fatto in tempo a fare irruzione in un bar e si è recato nel deposito, dove ha iniziato a distruggere bottiglie e suppellettili. Lanciato anche qui un nuovo allarme, l’extracomunitario non ha esitato a scagliarsi anche contro gli agenti di Polizia Locale, accorsi sul posto. Alla fine, è stato arrestato dai Carabinieri di Gricignano di Aversa.

Perché ha "ragione" don Giovanni Cavalcoli di Radio Maria


Una lunga riflessione atea sul significato che nascondono le parole sull'origine divina del terremoto dette a Radio Maria dal ravennate don Cavalcoli e le reazioni scandalizzate dei credenti

«Dal punto di vista teologico, questi disastri sono una conseguenza del peccato originale. Si possono considerare veramente come castigo del peccato originale. Anche se la parola non piace, ma io la dico lo stesso. È una parola biblica, non c'è nessun problema.»

Trump presidente: delusione o ultimo katechon? Intanto grazie agli americani per non aver creduto alla propaganda

"L'America la deve smettere di decidere i governi per gli altri. Abbiamo speso miliardi di dollari per destabilizzare nord Africa e medio oriente, mentre in casa nostra bianchi e neri si sparano addosso. Dal 2008 il mondo occidentale è più povero e insicuro, la nostra patria in preda ad uno scontro sociale, siamo alle porte di una guerra fredda, invece di considerare Putin un alleato nella guerra al terrorismo. Le responsabilità sono più della Clinton, che di Obama, la Libia è farina del suo sacco. Hillary Clinton ci porterà ad uno scontro senza precedenti. Non ne abbiamo bisogno."
Donald Trump, 4 novembre

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...