TRANSLATE THIS BLOG

lunedì 16 maggio 2016

Bimba sorda guarisce a Lourdes

L’Unitalsi racconta l’inspiegabile caso di una piccola ligure di 6 anni. "Si è tolta gli apparecchi acustici e ha parlato con la nonna e la mamma"

«Ci sento, ci sento, parlatemi». Si è tolta gli apparecchi acustici dalle orecchie. E si è messa a parlare così, con la mamma, la nonna e il fratellino, lasciando tutti a bocca aperta.

È una guarigione improvvisa e inspiegabile quella di una bambina ligure di 6 anni, sorda dalla nascita, che l’11 maggio, tre giorni fa, ha inspiegabilmente riacquistato l’udito a Lourdes. A rendere noto il caso l’Unitalsi (l’Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) che si trovava insieme alla famiglia della piccola in un pellegrinaggio a Lourdes. Il viaggio era stato organizzato dalla Sezione Lombarda dell’Unitalsi, che ha portato nella città delle apparizioni mariane 225 pellegrini provenienti dalle parrocchie della sottosezione Milano Sud-Ovest. All’ultimo momento si sono aggregati al pellegrinaggio lombardo nella cittadina francese anche famiglia della bambina che vive a Sestri Levante.

Quella della piccola è stata una storia travagliata sin dalla nascita. Nata di 800 grammi e di 26 settimane il giorno di Natale del 2009 (doveva venire alla luce all’inizio di aprile), ha passato tre mesi al Gaslini di Genova. Per salvarla le hanno dato medicine che le hanno provocato però alcune emorragie cerebrali e compromesso i canali uditivi. Gli esami successivi hanno infatti accertato la sordità profonda ad entrambe le orecchie. E gli apparecchi acustici sono stati necessari. A raccontare il fatto straordinario avvenuto lo scorso mercoledì è stato Giuseppe Secondi, presidente della sottosezione Unitalsi di Milano Sud-Ovest e direttore del pellegrinaggio. «Sono le 20,30 e stavamo giocando con la bimba - ha spiegato Secondi - quando dico alla piccola che non posso più giocare con lei perché un impegno mi attende. Lei torna dalla mamma e la vedo togliersi gli apparecchi acustici senza i quali è condannata alla sordità. All’invito della madre a rimetterli, risponde: «Ci sento bene, non mi servono più». La bambina è stata subito portata al Bureau des Constatations Medicales di Lourdes che - come è di prassi - ha richiesto tutta la documentazione antecedente ed ha proposto anche nuovi esami audiometrici. «Alcuni - ha riferito l’esponente dell’Unitalsi - già definiscono questo fatto come una guarigione. Quale, come, perché, lo spiegheranno altri».

L’ultimo miracolo a Lourdes riconosciuto dalla Chiesa è quello di un’italiana che oggi ha 68 anni, Danila Castelli, di Bereguardo, una paesino della provincia pavese. E per accertarlo ci sono voluti 23 lunghissimi anni prima che si concludesse l’iter di controllo medico scientifico. Colpita dal 1982 da una serie di forme tumorali maligne, ormai morente, guarisce nel 1989 dopo un bagno nelle piscine del Santuario.


Grazia Maria Coletti 14/05/2016

Tratto da: IlTempo.it

Nessun commento:

Posta un commento

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...