TRANSLATE THIS BLOG

sabato 29 ottobre 2016

Halloween, festa cattolica inventata da cattolici


L'avversione per Halloween nasce tra i protestanti (puritani) per opporsi alla venerazione dei santi (VIDEO: il vescovo di Macerata difende le radici cristiane di Halloween, la vigilia di Ognissanti)

Questa storia inizia a Roma nell'ottavo secolo dopo Cristo. Fra il 731 e il 741, un papa (Gregorio III) decise che ogni 1 novembre si festeggiasse l'anniversario della dedicazione della cappella di San Pietro alle reliquie "dei santi apostoli e di tutti i santi, martiri e confessori, e di tutti i giusti resi perfetti che riposano in pace in tutto il mondo". Era nata la festa di Ognissanti, che un secolo dopo divenne festa ufficiale in tutti i territori dell'impero carolingio. Alle soglie del secondo millennio, precisamente nel 998, S. Odilo, abate del potente monastero di Cluny, decise che ogni 2 novembre i fedeli che abitavano nei dintorni del monastero pregassero per i fedeli defunti. Era nata la festa dei morti, che si diffuse rapidamente in tutta Europa.

La visione diabolica di Leone XIII e la nascita della preghiera a San Michele Arcangelo



Molti di noi ricordano come, prima della riforma liturgica dovuta al concilio Vaticano II, il celebrante e i fedeli si mettevano in ginocchio alla fine di ogni messa, per recitare una preghiera alla Madonna ed una a S. Michele arcangelo Riportiamo il testo di quest’ultima, perché è una preghiera bella, che può essere recitata da tutti con frutto:

«San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia; contro le malvagità e le insidie del diavolo sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici: che il Signore lo comandi! E tu, principe delle milizie celesti, con la potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell’inferno Satana e gli altri spiriti maligni, che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime».

Grygiel, allievo di Wojtyla: abbiamo pastori che confondono il male con il bene, il falso con il vero

Pubblicazione estratto dell'intervento di Stanislaw Grygiel pubblicato sul Foglio del 25 ottobre 2016

«Il suono delle trombe della modernità irrompe nei matrimoni e nelle famiglie e, di conseguenza, irrompe anche nella Chiesa che in loro nasce. Distrugge le mura morali dietro le quali le persone impaurite cercano riparo. Persino molti apostoli abbandonano la via crucis o addirittura fuggono da sotto la croce per rifugiarsi nei nascondigli offerti dalla modernità. Il peggio è che alcuni di loro hanno impugnato le trombe e suonano teologicamente lo stesso inno pagano della gioia e della felicità.

"Non italiani" sarete voi


Ma siamo sicuri che quelli di Goro stiano dalla parte sbagliata? Che "non italiani" siano invece quelli che hanno permesso questa enorme tragedia?

Il Fariseo e il Pubblicano - Luca 18:9-14


"Disse ancora questa parabola per alcuni che presumevano di esser giusti e disprezzavano gli altri: «Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l'altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte la settimana e pago le decime di quanto possiedo. Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: O Dio, abbi pietà di me peccatore. Io vi dico: questi tornò a casa sua giustificato, a differenza dell'altro, perché chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato»." Luca 18:9-14

venerdì 28 ottobre 2016

"Sono legato dal segreto. Questo segreto è orribile. Potrei scrivere libri sui diversi conclavi. Cose molto serie sono accadute in quelle occasioni. Ma non posso dire nulla”.

Cardinale Giuseppe Siri - Papa Gregorio XVII
Il cardinale Giuseppe Siri, arcivescovo di Genova, nel conclave del 26 Ottobre 1958 venne eletto papa con il nome di Gregorio XVII ma due giorni dopo, su pressione dei cardinali francesi, fu costretto a dare le dimissioni in quanto, secondo i servizi di sicurezza del Vaticano, la sua elezione avrebbe determinato l’assassinio di diversi vescovi dietro la Cortina di Ferro comunista. La notizia, ampiamente documentata, fa parte del dossier segreto “Cardinal Siri” compilato dal Federal Bureau of Investigation (Fbi) in data 10 aprile 1961 per il Dipartimento di Stato americano.

Il dossier è rimasto secretato fino al 28 Febbraio 1994 quando, scaduti i termini della classificazione grazie alla legge Freedom of Information Act, è stato possibile accedere al documento. Il primo a leggere quel dossier segreto fu Paul L. Williams, consulente dell’Fbi e giornalista investigativo, che nel 2003 diede alle stampe il libro “The Vatican Exposed: Money, Murder, and the Mafia”, pubblicato negli Stati Uniti dalla Prometheus Books.

Meluzzi: "Gorino? Una resistenza contro le élite che violentano i popoli"


"Le persone vedono come sono ridotte le città, quali sono i rischi per l’ordine pubblico, quale catastrofe si affaccia di fronte a una migrazione epocale di questa natura e dunque si ribellano. Ma arriveremo alla progressiva islamizzazione dell’Europa"

Convertiti dall’islam a Cristo: un documento eccezionale


Si chiamano Joseph (Fadelle), Myriam, Hayette, Paul, Christophe, Eric, Laurence. Sono iracheni, marocchini, algerini, maliani, francesi. Mai avrebbero immaginato di vivere quel che han vissuto. Erano musulmani, alla ricerca di Dio. E lo han trovato. Per questo, son divenuti Cattolici.

Così l'Agenzia Riscossione pignorerà i conti correnti


Il governo da un lato indossa la maschera del Fisco amico, dall'altro inasprisce le sanzioni sui contribuenti.

giovedì 27 ottobre 2016

Sogni messianici e menzogne -combattere la buona battaglia e conservare la libertà e la fede


1° Una menzogna ripetuta all’infinito diventa verità- 2° L’imperdonabile peccato di Gesù Cristo secondo la visione del mondo dei giudei- 3° Da popolo eletto a popolo maledetto- 4° Il legame di sangue tra Gesù e gli ebrei- 5° Il trucco dell’antisemitismo- 6° Nessuna affinità col Cristianesimo

Lettera d’amore di Dio Padre indirizzata proprio a Te!


Lettera d’Amore, ma di un Amore così grande e profondo che solo un Padre che Ama di un amore bruciante e infinito può scrivere a così tanti Figli. Tutti Amati dell’immenso e simile Amore, tutti nutriti del Suo Corpo, tutti riscattati dal Suo Sangue e riempiti del suo Spirito. Ma davvero esiste un Padre che Ama più di così?

mercoledì 26 ottobre 2016

Hillary e la mezzanotte nucleare


Hillary Clinton ci porterà alla Terza Guerra mondiale”. È il pensiero di Diana Johnstone, autrice della biografia non autorizzata sulla candidata democratica. Ora questa ipotesi viene rilanciata anche da Donald Trump che, in un’intervista concessa a Reuters, afferma che “la politica della Clinton in Siria ci porterà alla Terza Guerra mondiale“. Il candidato repubblicano cerca ovviamente di portare l’acqua al suo mulino per cercare di strappare la presidenza a Hillary. Ma c’è qualcosa di vero in quel che dice. Non sarà magari un conflitto mondiale in senso stretto. Forse sarà “una guerra mondiale a pezzi”, per usare un’espressione di papa Francesco. Difficile dirlo con certezza.

martedì 25 ottobre 2016

C’era un volta William Brahnam, Hillary Clinton e il destino dell’America…


"Io sono l'ultima cosa fra voi e l'Apocalisse..." (Hillary Clinton, Ottobre 2016)

Così si è espressa in un intervento pubblicato sul sito del New York Times nella prima decade di ottobre, la candidata democratica Hillary Clinton in corsa alla casa bianca nelle elezioni USA 2016 contro il tycoon repubblicano Donald Trump, quasi avesse profetizzato inconsapevolmente un suo coinvolgimento o un qualche ruolo futuro definitivo o drammatico negli Stati Uniti d’America.

lunedì 24 ottobre 2016

Il giudice iniquo e la vedova persistente, Luca 18:1-8


La lezione di preghiera della vedova che non si arrende

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai: «In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c'era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”. Per un po' di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”». E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».

Il Columbus Day: alla scoperta di un’altra America


Il 12 Ottobre scorso è stato il Columbus Day e si festeggiato la scoperta dell’America. Si avvicina inesorabilmente l’8 novembre, giorno delle elezioni presidenziali americane. Non resta che un ultimo confronto tra la protetta del governo mondiale, Hillary Clinton, e il portavoce dell’americano medio, Donald Trump, il vero rappresentante dell’America. Presto i nodi si scioglieranno…

sabato 22 ottobre 2016

Profughi? Tutte balle! Non sono poveri e non scappano dalla guerra né dalla fame


Anna Bono, docente di Storia dell'Africa all'Università di Torino: "C'è una propaganda che li esorta a venire in Italia spiegando che qui è tutto gratis" 20/10/2016

Anna Bono, docente di Storia e Istituzioni dell’Africa all'Università di Torino, conoscendo a fondo la materia, ribalta un bel gruzzolo di luoghi comuni. Spiega che chi sbarca o viene traghettato sulle nostre coste, arrivando prevalentemente dall'Africa subsahariana, per la stragrande maggioranza dei casi non è un profugo. E nemmeno un povero in fuga dalla fame. Ma un giovane maschio, spesso appartenente al ceto medio, che non scappa da guerre o persecuzioni. "La maggior parte di chi lascia l’Africa subsahariana per l'Europa non scappa né dalla guerra né dalla povertà estrema".

A Rovigo le parrocchie invitano a lasciarci invadere attraverso maxi manifesti


Cartelloni di 18 metri con un barcone e la scritta: "Accogliamo il messaggio di Papa Francesco, non alimentiamo la paura che provoca la chiusura" 21/10/2016

Tre manifesti giganti per lanciare un messaggio a favore dell'invasione, con al centro una foto di un barcone carico di clandestini. I maxi poster sono apparsi da alcuni giorni a Rovigo e a "firmarli" sono le parrocchie del vicariato della città polesana. Sui manifesti di 18 metri quadrati una scritta in rosso su sfondo giallo "Accogliamo il messaggio di Papa Francesco, non alimentiamo la paura che provoca la chiusura".

giovedì 20 ottobre 2016

Mani di Soros sulle elezioni Usa?


L’allarme è stato lanciato dal Daily Caller, quotidiano on-line di stampo conservatore. Alle prossime elezioni americane, un’azienda legata a George Soros controllerà “le macchine per le votazioni in sedici Stati” americani. Tra questi anche quelli che rappresentano veri e propri campi di battaglia per Hillary Clinton e Donald Trump, come Arizona, Colorado, Florida, Michigan, Nevada, Pennsylvania e Virginia.

mercoledì 19 ottobre 2016

L'azione giudaico-massonica al concilio (prima parte)


Durante il Concilio Vaticano II(svoltosi in quattro sessioni, dal 1962 al 1965, sotto i pontificati di Giovanni XXIII e Paolo VI), soprattutto in previsione della ratifica del Decreto Nostra Ætate, un documento dedicato ai rapporti con l'ebraismo e con le altre religioni non-cristiane, un'équipe di sacerdoti messicani, guidata dal gesuita Padre Joaquín Sáenz y Arriaga, iniziò a distribuire ai Padri conciliari alcuni documenti, uno dei quali è lo scritto raccolto in questo opuscolo. Lo scopo era di mettere al corrente la Gerarchia riunita in Concilio degli incontri segreti intercorsi tra il Cardinale Augustin Bea, presidente del Segretariato dell'Unità dei Cristiani, e i suoi collaboratori, e alcune potentissime lobby ebraiche come il B'nai B'rith o il Congresso Mondiale Ebraico. Obiettivo di questi accordi segreti era la rimozione di ogni responsabilità ebraica nella Passione e morte di Nostro Signore Gesù Cristo... [tratto dal sito Crisinellachiesa.it (1)]

L'azione giudaico-massonica al concilio (seconda parte)

II L'AZIONE GIUDAICO-MASSONICA AL CONCILIO

Presentazione

Siamo un gruppo di sacerdoti, appartenenti alcuni ad Ordini religiosi e altri al clero secolare. Abbiamo seguito con particolare attenzione le deliberazioni del Concilio Ecumenico Vaticano II per studiare la sostanza dei suoi insegnamenti e per applicarli poi nel nostro apostolato o nelle nostre cattedre. Non abbiamo mai preteso di far uscire delle pubblicazioni perché i nostri studi hanno un carattere assolutamente privato; naturalmente, facciamo tutto questo con il consenso del nostro Vescovo e dei nostri superiori ecclesiastici. Due sacerdoti del nostro gruppo, per la personalità che rivestono, partecipano alle riunioni conciliari. Ora, Per quanto in esse si è detto, sia pure attraverso le varie discussioni, abbiamo l'assoluta certezza che si vuole portare la nostra santa madre Chiesa per strade che si allontanano dagli insegnamenti del Divin Redentore e della Sua missione divina.

L'azione giudaico-massonica al concilio (terza parte)

VI IL CARDINALE BEA SEGUE LE ISTRUZIONI DEL B'NAI B'RITH

Fino a dicembre del 1962, apparivano solo degli ecclesiastici come promotori della riabilitazione del popolo ebraico da parte della Chiesa cattolica. Il primo a parlare dell'avvicinamento della Chiesa all'ebraismo, è stato il Vescovo di Cuernavaca (in Messico) Mons. Sergio Mendez Arceo, discendente dei sefarditi (18) che tentarono di giudaizzare la popolazione di Ctija. Egli estese la riabilitazione anche ai massoni e, sebbene le sue parole cadessero nel vuoto, riuscì utile anche agli ebrei per mettere in moto la campagna internazionale di stampa alla quale assistiamo e che ne parla come se il Concilio si fosse già pronunciato in loro favore.

domenica 16 ottobre 2016

Invece di onorare la Madonna per i cento anni delle sue apparizioni a Fatima, Bergoglio onora Lutero

Nel 1883 la Beata Maria Serafina Micheli (1849-1911), fondatrice dell’Istituto delle Suore degli Angeli, si trovava a passare per Eisleben, nella Sassonia, città natale di Lutero. Si festeggiava, in quel giorno, il quarto centenario della nascita del grande eretico ( 10 novembre 1483) che spaccò l’Europa e la Chiesa in due, perciò le strade erano affollate, i balconi imbandierati. Tra le numerose autorità presenti si aspettava, da un momento all’altro, anche l’arrivo dell’imperatore Guglielmo I, che avrebbe presieduto alle solenni celebrazioni. La futura beata, pur notando il grande trambusto non era interessata a sapere il perché di quell’insolita animazione, l’unico suo desiderio era quello di cercare una chiesa e pregare per poter fare una visita a Gesù Sacramentato. Dopo aver camminato per diverso tempo, finalmente, ne trovò una, ma le porte… erano chiuse. Si inginocchiò ugualmente sui gradini d’accesso, per fare le sue orazioni. Essendo di sera, non s’era accorta che non era una chiesa cattolica, ma protestante. Mentre pregava le comparve l’angelo custode, che le disse: “Alzati, perché questo è un tempio protestante”. Poi le soggiunse: “Ma io voglio farti vedere il luogo dove Martin Lutero è condannato e la pena che subisce in castigo del suo orgoglio”.

Pio XI e la Cristiada. Fede, guerra e diplomazia in Messico


Paolo Valvo, il suo libro Pio XI e la Cristiada è apparso nell’anno che segna il 90° anniversario dell’evento e la canonizzazione di José Sanchez Del Rio. Al suo interno si fa ampio riferimento alle fonti archivistiche della Santa Sede: che cosa apportano di nuovo alla storiografia su questo tema?
Le carte sul pontificato di Pio XI conservate presso gli archivi di Oltretevere ci permettono oggi di avere una visione piuttosto ampia e approfondita dell’atteggiamento che la Santa Sede assunse di fronte al conflitto “cristero”. Ne emerge a mio avviso una ricostruzione piuttosto distante da molti dei luoghi comuni che ancora oggi rischiano di condizionare la lettura di questa tragica pagina di storia del Novecento.

Dal Grande Fratello alle Iene, ecco la tv che processa le coscienze

I giornali son pieni di scandali, di disgrazie, di delitti, ma la notizia più impressionante della settimana scorsa sembrava quella dell’uscita del pugile Clemente Russo dal Grande Fratello Vip. Per chi avesse avuto di meglio da fare che seguire quello che è ormai diventato il “caso Bettarini-Russo” basti sapere che nella casa più trasparente d’Italia il pugile napoletano è andato alle corde: è bastato infatti un «friariello» di troppo (così Russo ha appellato tale Bosco Cobos) e una infelice uscita, alle ore tre del mattino, in reazione a confessioni di cose di corna da parte di Stefano Bettarini, professione ex calciatore ed ex marito di Simona Ventura (che per Russo «andava lasciata morta ammazzata a terra») per scatenare nell’ordine: intervento del ministro della Giustizia Andrea Orlando con richiesta al Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria di valutare «la conformità allo statuto deontologico del Corpo (…) dei recenti comportamenti del dipendente Clemente Russo, atleta in forza al gruppo sportivo delle Fiamme Azzurre, con particolare riferimento ad espressioni ingiuriose e rivelatrici di misoginia e omofobia», quello dell’Unione sindacati della polizia penitenziaria, quello del Codacons, quello del sacerdote moralizzatore Alfonso Signorini. Seguono atto di pentimento pubblico, riflessione sociologica di tutta Italia a mezzo stampa, tv e social sui temi omofobia, sessismo, addirittura femminicidio.

venerdì 14 ottobre 2016

«Asia Bibi sarà libera». Intervista al marito Ashiq Masih


La Corte suprema del Pakistan ha annunciato che nella seconda settimana di ottobre emetterà il verdetto definitivo sul processo per blasfemia di Asia Bibi. La madre cattolica di cinque figli è stata condannata all’impiccagione in primo e secondo grado per insulti (mai rivolti) al profeta Maometto. La sua unica colpa, in realtà, è quella di avere bevuto un bicchiere d’acqua e di non avere accettato la conversione all’islam. Per questo è rinchiusa in carcere da oltre sette anni, 2.662 giorni per la precisione. La Corte non ha voluto comunicare la data precisa del processo, segno che potrebbe essere rimandato ancora, ma il marito di Asia Bibi, Ashiq Masih, intervistato da Tempi, è convinto che sarà presto liberata.

Il governo pakistano censura le televisioni cristiane


Tratto da Acs – Fra le 11 televisioni cristiane dichiarate illegali dal “Pakistan Electronic Media Regulatory Authority”, ente del governo pakistano, come riferito dall’Agenzia Fides, c’è la Catholic Tv, rete cattolica diocesana di Lahore. Aiuto alla Chiesa che Soffre stava sostenendo con uno specifico progetto biennale questo canale, da 17 anni prima ed unica televisione cattolica in tutta la nazione. La Tv, finanziata dai fedeli locali, diffondeva film di ispirazione cristiana, documentari sulle attività della Chiesa locale, talk show, interviste e varie pratiche di pietà. Il tutto veniva trasmesso dalla parrocchia di san Francesco di Lahore entro un raggio di 10 km, a beneficio di circa 8.000 famiglie cattoliche. La piccola emittente finora ha rappresentato anche una fonte di reddito per 11 componenti dello staff.

Attenta Europa! – La Terza Guerra Mondiale potrebbe distruggere l’Europa per la terza volta in un secolo


Washington è determinata a scatenare una guerra contro la Russia. Fa tutto parte del PNAC (Plan for a New American Century, Piano per un Nuovo Secolo Americano) per dominare il mondo. Dopo la Russia, la Cina dovrebbe seguirla. Questo è il piano. La Cina è circondata, ora, mentre ne parliamo. Non importa che Russia e Cina abbiano di recente concluso un patto, una stretta alleanza finanziaria e militare – quasi impossibile da sconfiggere.

Clima di guerra in Russia Esercitazioni e scorte di cibo


Il Cremlino invita la popolazione a prepararsi allo scontro con l’Occidente. Intanto Putin annulla la visita a Parigi. Boris Johnson: «Uno Stato paria» 

MOSCA L’amministrazione del quartiere Kuzminki, nella periferia sud di Mosca, ha rotto gli indugi e ha già lanciato una raccolta di fondi tra gli abitanti per costruire un nuovo rifugio anti-atomico: «Ogni contribuente avrà un pass nominativo per entrare. Affrettatevi, i posti sono limitati». La psicosi di un possibile imminente conflitto con l’Occidente sembra essersi impadronita della Russia anche se, per fortuna, le cose non sono a questo punto, nonostante la fortissima tensione. 

mercoledì 12 ottobre 2016

“Bruciate la Cattedrale”: così il femminismo in Argentina

Ancora una volta il femminismo ha mostrato il proprio volto intollerante, totalitario e cristianofobico. E’ accaduto domenica scorsa durante il corteo di chiusura dell’”Incontro nazionale delle Donne argentine”: secondo quanto riferito dall’agenzia InfoCatólica, un gruppo di manifestanti, uomini e donne vestiti di nero e col volto coperto, ha scagliato pietre e bottiglie di vetro contro la Cattedrale della città di Rosario. Contemporaneamente una ventina di individui, ai piedi della gradinata, stavano recitando il Padre Nostro e l’Ave Maria.

lunedì 10 ottobre 2016

Germania: Natale “cancellato” dalla scuola materna di Kassel

Ci sono casi, che più e meglio di qualsiasi discorso, mostrano come i numeri siano destinati a cambiare non solo la demografia, bensì anche le usanze, i costumi, le tradizioni e addirittura il volto delle nostre comunità e della nostra gente.

Siamo in Germania, a Kassel, città appartenente al Land dell’Assia. Qui circa il 12% dei residenti è straniero; per esser più precisi, è nato proprio all’estero.

La confessione di Papa Ratzinger “C’è altro sul segreto di Fatima”


Ci sarebbe una parte ancora segreta del terzo segreto di Fatima. Alcune frasi della rivelazione che la Chiesa non avrebbe ancora pubblicato. Nascoste nei segreti delle stanze vaticane. In molti lo pensavano, leggendo le incongruenze del testo. Ma la conferma “ufficiale” non c’è mai stata. Ora però a rivelarlo sarebbe il papa emerito Benedetto XVI.

domenica 9 ottobre 2016

Le profezie di Padre Pio: i 12 messaggi di Gesù

Oltre ai miracoli accertati grazie ai quali Padre Pio è stato nominato prima Beato, poi Santo, il Padre di Pietrelcina portava in sé carismi quali le stigmate (piaghe aperte per oltre 50 anni), la bilocazione (poteva essere visto in due posti contemporaneamente), e la chiaroveggenza (la capacità di leggere il futuro). In pochi sanno però che Padre Pio potrebbe aver lasciato delle vere e proprie Profezie, sotto forma di 12 messaggi di Gesù rivolti a lui e all’umanità. Ne parla Renzo Baschera nel suo libro “I Grandi Profeti”, ma il condizionale è d’obbligo, perché la veridicità delle Profezie di Padre Pio non è stata ancora accertata.

sabato 1 ottobre 2016

Panico a Roma tra i cattolici: ghanese sfregia quattro chiese (da ilgiornale.it)


Panico a Roma. Migrante entra in quattro chiese e distrugge tutto: arrestato. Il parroco: "Pensavo fosse l'Isis". Si cercano di capire le motivazioni del folle gesto

"Una furia, un folle, forse drogato", lo descrive così chi l'ha visto in azione. Un ghanese è entrato nella Basilica di Santa Prassede e ha brutalmente vandalizzato le statue che raffigurano la stessa Santa e Sant'Antonio e ha rovesciato candelieri e teche. Quindi, come se niente fosse, se ne è andato facendo perdere le proprie tracce. Prima che venisse arrestato è entrato in altre tre chiese e le ha dannaggiate (guarda la gallery).

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...