TRANSLATE THIS BLOG

lunedì 17 ottobre 2016

Parigi, la Tour Eiffel e quella cupole ortodosse che la 'oscurano'


La nuova chiesa voluta da Putin cambia lo skyline

17 OTTOBRE 2016 Non si vede che lei, dominante sul Quai Branly e sul ponte dell’Alma, con le sue cupole a cipolla dorate, a due passi dalla Tour Eiffel. La nuova cattedrale russa ortodossa di Parigi, finanziata dal Cremlino con un investimento di 150 milioni di euro, è pronta. Alta 37 metri, ribattezzata dall'ex ministro della cultura Frederic Mitterand 'Santa Vladimira'. Il complesso, che ospita anche una scuola elementare, una sala per mostre e un'area di ristoro, dovrebbe essere inaugurato il 19 ottobre, Nel frattempo, molti parigini si domandano se non sia stato poco ortodosso stravolgere uno tra i più famosi skyline al mondo.

Fonte: RaiNews.it

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il Cremlino sulla Senna: a Parigi si costruisce una chiesa ortodossa con cinque cupole dorate



Tratto dal corriere della sera del 05 febbraio 2014

Le cupole della Piazza Rossa si trasferiscono sulle rive della Senna. A due passi dall’Assemblée Nationale e dall’hôtel Matignon, sede del primo ministro, sorgerà una chiesa ortodossa con cinque cupole dorate e un gigantesco centro comunitario, a riprova della potenza del Cremlino e della forte presenza russa a Parigi. A fianco del Musée du Quai Branly, ben visibile sia dal Lungo Senna che dalla Rive Droite, con la Tour Eiffel sullo sfondo, la prima cattedrale della Chiesa ortodossa russa in città farà concorrenza a partire dal 2016 alle cupole del Sacré Cœur, nel nuovo skyline della Ville Lumière. È da anni che a Parigi non si costruisce una chiesa, soprattutto in una zona così centrale come il Quai Branly, uno dei quartieri più visitati del mondo grazie al noto museo, ma la volontà di Vladimir Putin ha avuto la meglio sulle forti perplessità del sindaco uscente, Bertrand Delanoë.

PROGETTO TITANICO - Oltre alla chiesa, la dépendance del Cremlino sulla Senna comprenderà, per un costo complessivo previsto di 100 milioni di euro, anche un centro parrocchiale, una scuola bilingue franco-russa e un centro culturale, che finalmente accoglieranno le istanze della vasta comunità russofona della capitale francese. L’enorme progetto parte dal marzo 2010, quando il demanio francese mise in vendita un lotto di 8.400 metri quadri prospicente il Lung Senna, sov’era ospitata Météo France, che ha spostato la sua sede nella Val-de-Marne. Il Cremlino, che aveva già espresso a Nicolas Sarkozy, allora presidente, il desiderio di aprire a Parigi una grandiosa sede di culto, si fa sotto e conquista il gioiello per 70 milioni di euro, battendo di misura le offerte dell’Arabia Saudita e del Canada. Appena sei mesi dopo, via alla gara per aggiudicarsi il progetto, che non dev’essere, secondo il committente «né caricaturale né deliberatamente anti-moderno», ma deve rispettare la condizione di comprendere «una chiesa ortodossa con le sue cinque cupole visibili dalla Senna e dalla Rive Droite». Le intenzioni sono chiare fin dall’inizio: l’obiettivo è eclissare l’altra chiesa ortodossa della capitale, consacrata fin dal 1861 a Saint-Alexandre-Nevsky, che dipende dal patriarcato di Costantinopoli, rappresentante di un’ortodossia molto più laica di quella russa e molto meno accomodante con le pretese dell’inquilino del Cremlino. Il patriarcato di Mosca, invece, è semplicemente il braccio religioso del governo russo. Al bando risposero 440 architetti, fra cui il noto francese Jean-Michel Wilmotte, che però arriva secondo e si fa soffiare l’incarico da Manuel Nuñez Yanowsky, un architetto spagnolo di origini russe.

CUPOLE D’ORO - Il progetto di Nuñez Yanowsky pianterebbe nel centro di Parigi, oltre a cinque cupole luccicanti, anche un immenso baldacchino di vetro rappresentante, secondo l’autore, «il velo della madre di Dio» che protegge i fedeli (russi). Questa curiosità architettonica andrebbe ad appoggiarsi direttamente sul classico Palais de l’Alma. Ma il sindaco dice no. Poco prima delle presidenziali del 2012, Bertrand Delanoë, il cui parere è soltanto consultivo in questa operazione che si svolge direttamente tra governi, s’impunta. E dopo l’elezione di François Hollande ha partita vinta. Il Cremlino rescinde il contratto con Nuñez Yanowsky e ricorre al secondo classificato, che guarda caso è un francese doc, Jean-Michel Wilmotte, che ha già eseguito grandi progetti per tutto il gotha dell’industria francese, da Havas a Vivendi, da Lvmh a Bouygues, ma proprio in questo periodo si sta occupando della sistemazione urbanistica della Grande Mosca. Wilmotte ha presentato in gennaio il suo progetto, molto più sobrio di quello di Yankowsky, ma pur sempre ornato dalle cinque cupole, come da condizioni preliminari del committente. La chiesa e gli altri edifici saranno un trionfo di vetro e legno chiaro, combinati con la pietra di Borgogna, tanto cara al barone Haussmann. In poche settimane il progetto ha ricevuto il via libera del governo francese e del sindaco Delanoë, finalmente pacificato con la spiritualità russo-ortodossa. E nel giro di un anno e mezzo Parigi si arricchirà di un nuovo simbolo della potenza del Cremlino.



Tutte le foto riprodotte in questo articolo appartengono a RaiNews.it



1 commento:

  1. Il cristianesimo ortodosso d'oriente s'impone, con la sua opera ecclesiastica, sulla Francia massonica sino ad oscurare quasi un suo simbolo della falsa libertà illuminista, umanistico-massonica, la torre Eiffel. Questa chiesa che simboleggia l'ultima resistenza ufficiale di cristianesimo d'oriente in Europa a dispetto delle moschee nella capitale, verrà inaugurata mercoledì prossimo 19 ottobre 2016. Le polemiche non mancheranno da parte dei massoni e dei musulmani trapiantati in Francia ma io dico che è un dovere del cristianesimo e dei primi ministri cristiani imporre le opere cristiane a tutto il mondo, specie in terre pagane dove hanno abbandonato Dio per degli ideali di falsa libertà che ha portato a degenerare la morale e i costumi dei popoli come quello francese, fino a rinnegare i sacri valori cristiani. (Le invasioni e gli attentati alla Francia alla quale assistiamo non sono altro che punizioni divine su questo popolo per questo loro abbandono al cristianesimo). Questi signori che protestano per quel cesso di torre Eiffel si mettano l'anima in pace perché dico loro che il cristianesimo sarà il governo-religione diretto con scettro di ferro da Gesù in persona e che riempirà tutta la terra un giorno. Che si abituino all'idea questi europeisti economo-rigoristi, pro gender, pro aborto, pro eutanasia, pro immigrazione islamica per cancellare la nostra identità storico-culturale religiosa. Un Unione Europa pro questo, pro quello e cazzate varie. Vedasi Apocalisse 12:5 e Isaia capitolo 2 invece e imparate dalle promesse di Dio.

    Egli non tarderà le sue promesse e manderà i suoi emissari contro tutta questa iniquità, e anche la Chiesa Cattolica che attualmente dorme e nel "politicamente corretto" del mondo moderno si dovrà dare una svegliata e i suoi agenti corrotti e collusi con le massonerie ebraiche, verranno cacciati al di fuori.

    RispondiElimina

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...