TRANSLATE THIS BLOG

sabato 26 novembre 2016

Paese ungherese vieta moschee, muezzin e veli: "Difendiamo le nostre tradizioni"

Il "muro" sul confine ad Asotthalom. Da telegraph.co.uk
Il consiglio municipale di Asotthalom, sul confine con la Serbia, ha adottato le misure per proteggersi dalle imposizioni Ue sulla distribuzione dei clandestini

Il sindaco del paese di Asotthalom, piccola cittadina ungherese di 4mila abitanti sul confine con la Serbia, ha reso noto venerdì che il consiglio municipale ha deciso di vietare la costruzione di una moschea e l'attività dei muezzin, come pure l'uso di veli e indumenti islamici quali burqa, chador e burkini. Laszlo Toroczkai, questo il nome del primo cittadino, come raccontano i media locali, ha precisato che la decisione è stata presa per proteggere "la comunità e le tradizioni" della cittadina dalle delibere della Ue sulla distribuzione dei profughi e richiedenti asilo nei vari Paesi membri.

Asotthalom era stato uno dei centri in prima linea durante il massiccio flusso di migranti e profughi lo scorso anno lungo la rotta balcanica, dalla Serbia verso l'Ungheria e i Paesi dell'Europa occidentale. Il sindaco Toroczkai da parte sua era stato tra i primi a proporre la costruzione di una barriera 'difensiva' per arginare il flusso migratorio, cosa questa poi decisa e realizzata dal premier Viktor Orban lungo tutti i 175 km della frontiera con la Serbia. Lo stesso sindaco era già salito agli onori delle cronache per aver assoldato squadre di vigilantes per pattugliare il confine. 



Nessun commento:

Posta un commento

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...