TRANSLATE THIS BLOG

martedì 27 dicembre 2016

La notte di Natale presepi profanati in tutta Italia


Come ogni anno a Natale, anche stavolta tornano purtroppo ovunque le profanazioni a danno dei presepi, vile oltraggio ed ostentato spregio della fede e della tradizione cristiana.

Il primo caso ha riguardato la statua di Gesù Bambino nel presepe della piazza di Bariano, danneggiato subito poche ore dopo la Santa Messa di Mezzanotte all’altezza del braccio sinistro ed alle dita, spezzate su entrambe le mani. I fedeli, sentitisi feriti nei propri sentimenti più cari, hanno istituito una sorta di “taglia” per chi individui i colpevoli.

domenica 25 dicembre 2016

E’ più cristiano il "Natale consumistico” delle bancarelle che i pistolotti moralistici del mondo clericale


L’altro ieri, nell’editoriale di “Avvenire”, giornale dei vescovi, Enzo Bianchi assicurava che i terroristi di Berlino non ce l’avevano con il Natale cristiano:

“A Berlino la calamita per l’attentatore non è stato il Natale in sé, ma la sua commercializzazione diffusa: non certo la celebrazione del mistero cristiano dell’incarnazione, bensì la sua riduzione – sovente lamentata anche dagli stessi cristiani – a gioioso mercato di doni e di regali, di profitti e di buoni sentimenti a basso prezzo”.

Adeste fideles (Venite fedeli)


Adeste fideles è un canto natalizio di cui non esistono prove sufficienti per attribuirne la paternità ad un nome preciso. L'unica certezza che emerge dalla documentazione esistente è il nome del copista, cioè di colui che trascrisse materialmente il testo e la melodia: sir John Francis Wade, che lo avrebbe trascritto da un tema popolare irlandese nel 1743-1744 per l'uso di un coro cattolico, a Douai, cittadina nel nord della Francia, a quel tempo importante centro cattolico di riferimento e di rifugio per i cattolici perseguitati dai protestanti nelle Isole britanniche.

venerdì 23 dicembre 2016

Magdi Cristiano Allam: Differenze tra Gesù e Maometto.


Il libro di Magdi Cristiano Allam: “Grazie Gesù. Parla della conversione dall’islam al cattolicesimo” (Mondadori, Milano 2008, pp. 204). La monaca di clausura, suor Maria Gloria Riva, ha raccontato sul numero di maggio della rivista apologetica “il Timone” le tappe della conversione al Cattolicesimo di Magdi Allam, famoso scrittore e giornalista, vicedirettore ad personam del Corriere della Sera che nella notte di Pasqua del 2008 ha ricevuto in san Pietro direttamente dal papa il sacramento del battesimo. In Italia l’islam si è talmente avvicinato, da porre oggi concreti problemi giuridici, a cui siamo in parte impreparati, infatti oggi non esiste più uno stato cattolico vi è invece uno stato laico che regola i suoi rapporti con la Chiesa cattolica mediante il Concordato e che stipula di volta in volta intese con le altre confessioni religiose minoritarie.

"Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce" (Isaia 9,1)

Chiese moderne, cioè catto-luterane

Le nuove chiese sono spesso costruite mettendo in pratica (con qualche secolo di ritardo) i principi eretici del protestantesimo

"Si ordina che tutti gli altari siano rimossi e demoliti, che le nuove mense eucaristiche, abbandonata la parete orientale, siano poste in qualche altro luogo adatto e conveniente; che tutte le balaustre rimosse e che il pavimento di qualsiasi presbiterio venga livellato alla pari con il resto dell'aula; che i candelabri siano tolti dalla tavola eucaristica e non vengano più usati; che tutti i crocifissi, le croci e tutte le immagini e i dipinti di una o più persone della Trinità o della Vergine Maria, e tutte le altre immagini di santi o iscrizioni superstiziose siano eliminate e cancellate e che non ne vengano introdotte di nuove... Che tutti gli organi, con le loro casse e cornici, siano rimossi e non più reintrodotti e che le cappe, i piviali, i paramenti, le croci processionali e i fonti battesimali, siano ugualmente eliminati".

mercoledì 21 dicembre 2016

"Gesù bambino cerca di non far licenziare la mamma"


Sofia è la figlia di una delle 120 dipendenti della Santa Teresa, società partecipata della Provincia di Brindisi, che dal 19 gennaio rischiano di essere licenziati dopo lo smantellamento dell'ente a seguito della riforma Delrio. La piccola ha deciso di rivolgersi a qualcuno di "important" affinché la madre non perda il lavoro.

Islamico irrompe alla festa di Natale e indottrina i bimbi col Corano


L'irruzione di un islamico durante una festa per l'Avvento di una scuola materna ha scosso la comunità di Oberdorf vicino a Schwanenstadt, in Svizzera.

Domenica sera i bambini insieme ai genitori stavano festeggiando il Natale con la classica rappresentazione natalizia, quando un uomo - "in evidente stato confusionale" -, vestito con gli abiti islamici e armato con il Corano ha bloccato tutto e urlato "Allah".

martedì 20 dicembre 2016

Berlino, camion contro la folla: nove morti al mercatino di Natale


L'orrore piomba su Berlino. Un camion lanciato a tutta velocità ha travolto la folla che si trovava a passeggiare tra le bancarelle del mercatino di Natale a Breitscheidplatz, nel quartiere di Charlottemburg.

I media locali parlano di almeno nove morti e decine di feriti. La polizia tedesca ritiene probabile, secondo le prime informazioni raccolte, che si tratti di un attentato terroristico. Il tabloid britannico Sun, che cita il quotidiano conservatore americano Washington Times (considerato vicino alla Cia), riferisce che Isis ha rivendicato la responsabilità dell'attentato. Il Times cita come fonte le Forze di Mobilizzazione Popolari irachene, le forze sciite che stanno combattendo per liberare Mosul.

lunedì 19 dicembre 2016

Brescia, a Natale la scuola proibisce di pronunciare il nome "Gesù"


Fa discutere la scelta di una dirigente scolastica che ha censurato la parola "Gesù" dal testo di un canto natalizio per bambini. Proteste del sindaco

Che senso ha far eseguire i canti natalizi se poi dai testi viene censurato il nome di Gesù? Se qualcuno ha una buona risposta, lo segnali perché noi non ne troviamo.

Eppure è quello che è successo a Pontevico, in provincia di Brescia, dove la dirigente scolastica delle scuole elementari ha riscritto il testo della canzone "Canta perché è nato Gesù". La nuova versione rivista e corretta recita ora "Canta perché è festa per te".

domenica 18 dicembre 2016

Come recitare il Rosario

Il Santo Rosario è un'arma potentissima contro satana che lo trafigge di spine, per questo è anche la preghiera che la Madonna ha sempre detto di preferire. Diffidate da chi vi dice che il Rosario non serve a nulla o da chi vi scoraggia nel praticarlo, specie dai protestanti e dalle sette protestanti che si trovano nel web. Ignorateli, perché al contrario, è una potente difesa per il credente cristiano cattolico contro le insidie e i disturbi del demonio e dei suoi agenti.

Questo schema presentato quì sotto è una guida utile per chi ancora non sa come praticarlo.
  • passo: spiegazione della sequenza del Rosario.
  • passo: illustrazione della corona del Rosario.
  • passo: elencazione dei Misteri del Rosario.

sabato 17 dicembre 2016

Toccare le pietre che ha toccato Lui


Sulle tracce di Cristo. Un viaggio che intreccia le strade e i luoghi con le pagine vive del Vangelo, e con le parole di chi è stato Maestro e guida di un grande Movimento

Ripercorrere i luoghi della Redenzione. Mettere i piedi sulle pietre calpestate da Gesù, a Cafarnao, a Cana, a Nazareth. Salire sull’imbarcazione che attraversa il Lago di Tiberiade, rivivendo le paure e le speranze di quel gruppo di uomini che seguivano il Maestro. Percorrere le strade anguste di Gerusalemme, nelle quali il Figlio dell’Uomo portava su di sé la sua e la nostra Croce. È il viaggio straordinario che trent’anni fa Luigi Amicone ha appuntato nei luoghi della fede, giorno dopo giorno, in compagnia di monsignor Luigi Giussani, e che oggi ci ripropone, senza che una sola riga abbia perduto di attualità. Un viaggio che intreccia le pietre, le montagne, i mari, con le pagine vive e concrete del Nuovo Testamento, e con la parola annotata di chi è stato Maestro e guida di tante generazioni e di un grande Movimento.

A Lourdes ho visto Cristo vivo


Una rassegna dei casi di guarigione e dei momenti di preghiera e devozione dei pellegrini che porta l’autore del Padrone del mondo a scardinare ogni pregiudizio iniziale

«Dove, se non nella Chiesa Cattolica, avvengono cose come quelle che ho avuto il privilegio di vedere? Provate a immaginare dei miracoli a Manchester! Sicuramente accadrebbero anche lì se ci fossero abbastanza cattolici riuniti nel Suo Nome. Invece, al posto di Manchester, mettiamo l’Exeter Hall o la St. Paul’s Cathedral! Il solo pensiero è del tutto assurdo. No, la cristianità di Gesù Cristo vive unicamente nella Chiesa Cattolica».

lunedì 12 dicembre 2016

Tre clandestini a Potenza: "Più soldi o vi decapitiamo"


La stampa estera ha ripreso la notizia, da noi passata quasi inosservata. Se ne sono occupati un paio di blog e La Gazzetta del Mezzogiorno, peraltro “edulcorando” il titolo: «”Dacci più soldi”: arrestati a Potenza tre immigrati», il che non spiega per intero quale sia stata realmente la minaccia. La si capisce solo leggendo l’articolo: «Dateci più soldi o vi decapitiamo!», toni più aspri e decisamente sopra le righe quelli usati da tre clandestini – uno della Nigeria e due del Gambia -, ospiti del centro di accoglienza allestito nell’ex-Ferrotel, nei pressi della stazione di Potenza centrale, evidentemente insoddisfatti del trattamento economico loro riservato – peraltro gratis – dallo Stato Italiano.

La bestemmia


“Non pronuncerai invano il nome del Signore, tuo Dio, perché il Signore non lascia impunito chi pronuncia il suo nome invano” (Esodo 20, 7)

RITRATTO DELLA BESTEMMIA

Dire che la bestemmia è una gravissima offesa al nome santo di Dio è dare una definizione esatta, ma un po’ fredda, arida, scheletrica, che non riesce a esprimere a sufficienza la drammaticità e la gravità mostruosa di quel fenomeno diabolico. Come non ci sono parole che possano esprimere fino in fondo la grandezza e la maestà infinita di Dio, così non ci sono parole che possano esprimere fino in fondo l’abisso di malizia e di miseria morale che è racchiuso nella bestemmia.

mercoledì 7 dicembre 2016

L'amministratore disonesto (Lc 16,1-9)


«C'era un uomo ricco che aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: Che è questo che sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non puoi più essere amministratore. L'amministratore disse tra sé: Che farò ora che il mio padrone mi toglie l'amministrazione? Zappare, non ho forza, mendicare, mi vergogno. So io che cosa fare perché, quando sarò stato allontanato dall'amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua. Chiamò uno per uno i debitori del padrone e disse al primo: Tu quanto devi al mio padrone? Quello rispose: Cento barili d'olio. Gli disse: Prendi la tua ricevuta, siediti e scrivi subito cinquanta. Poi disse a un altro: Tu quanto devi? Rispose: Cento misure di grano. Gli disse: Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta. Il padrone lodò quell'amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. Ebbene, io vi dico: Procuratevi amici con la disonesta ricchezza, perché, quand'essa verrà a mancare, vi accolgano nelle dimore eterne. (Luca 16,1-9)

Arriva un film di grande attualità sulle persecuzioni di cristiani in Giappone: Silence, di Martin Scorsese


“Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma tutto questo vi faranno a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato… …Vi ho detto queste cose perché abbiate pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo!” (Gv 15,20-21; Gv 16,33)

Silence, è il nuovo film di Martin Scorsese ambientato in Giappone durante le persecuzioni di cristiani cattolici nel 17° secolo. La pellicola uscirà negli Stati Uniti a dicembre e in Italia il 12 gennaio 2017 ma è stato proiettato in anteprima in privato nella filmoteca vaticana assieme al regista, la moglie Helen e la figlia caterina, e a una sessantina di persone in presenza di papa Francesco.

domenica 4 dicembre 2016

Gloria Polo, la donna che vide l'inferno


GLORIA ERA CLINICAMENTE MORTA E SAREBBE ANDATA ALL'INFERNO, SE DIO NON LE AVESSE CONCESSO UNA SECONDA POSSIBILITÀ, ATTRAVERSO LA PREGHIERA DI UNO SCONOSCIUTO.

Da un fulmine che incenerì quasi tutto il corpo di Gloria, e che la portò alle porte dell'inferno, nasce la testimonianza di quanto possa la preghiera presso la misericordia di Dio

INTRODUZIONE

Questa bella esperienza della fede dura già da 13 anni (*). E' stato un gran regalo della grazia di Dio, quando nella Sua Misericordia mi ha permesso di camminare nella mia vita come cattolica. Provo una gran pena quando ripenso ai passati anni della mia vita, in cui ero "cattolica dietetica". Ringrazio Dio di avermi dato la Chiesa Cattolica come Madre. Sono profondamente riconoscente nel nome di Gesù Cristo al Papa, Suo rappresentante, ai sacerdoti e ai consacrati della Chiesa Cattolica Romana. Li seguo ciecamente perché proprio tale era l'ordine del Nostro Signore GESÚ CRISTO, quando mi ha permesso di ritornare nella vita terrena. Durante l'adorazione del Santissimo Sacramento - io, indegna e misera serva del Signore - potevo provare la felicità e la delizia della vera pace e del vero amore che costituiscono l'inizio della vita celeste. Invito con tutto il cuore tutti i cristiani a conoscere meglio e più esattamente la Chiesa Cattolica Romana, prima che ne parlino male e con odio, in modo che sappiano che essa è la guardiana della vera fede, stabilita dal Signore. Invito tutti a diventare ed a essere adoratori del Nostro Signore e Dio! Chi tutti i giorni va a trovare il Nostro Signore GESÚ CRISTO nel Santissimo Sacramento e Lo adora, non dubiterà mai, quale sia la vera fede, Dio stesso dà ad ogni creatura amore e gratitudine verso la Santa Madre Chiesa, cioè la Chiesa Cattolica.

Amo tutti voi e vi abbraccio nell'Amore del Nostro Signore GESÚ CRISTO. 

Gloria Polo

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...