TRANSLATE THIS BLOG

giovedì 5 gennaio 2017

Canada, eutanasia. «Non pensavo fosse così facile essere uccisi con la nuova legge»


L’eutanasia in Canada è stata legalizzata solo nel giugno del 2016 e almeno 744 persone sono già morte con l’iniezione letale. I dati, diffusi da CTV News, sono altissimi ma secondo la dottoressa di Vancouver Ellen Wiebe, che quest’anno ha dichiarato di avere ucciso almeno 40 pazienti, «i numeri cresceranno, ne sono certa. Mi aspetto che raggiungeremo l’Olanda e il Belgio perché abbiamo leggi simili. Questo significa che l’eutanasia rappresenterà il 5 per cento di tutte le morti del paese».

LA LEGGE. La dottoressa si sbaglia, perché la legge canadese è molto meno restrittiva di quelle di Belgio e Olanda. In base al Bill C-14, infatti, per essere uccisi bisogna essere affetti da una malattia incurabile per la quale «la morte naturale è ragionevolmente prevedibile». Il problema è che sia la malattia incurabile che la sua ragionevole prevedibilità non devono essere stabiliti da dati medici oggettivi, è sufficiente che «il personale medico o infermieristico sia dell’opinione che la persona soddisfi tutti i criteri». Non è richiesto dunque che la legge venga rispettata, ma che il medico pensi che sia rispettata.

IMMUNITÀ TOTALE. La differenza è importante, soprattutto perché la legge specifica che un medico non può essere incriminato di omicidio neanche quando la sua opinione sul rispetto dei criteri della legge si riveli «errata». Il testo della norma, infine, garantisce una inedita immunità a «chiunque» faccia «qualsiasi cosa» per procurare la morte di un terzo che ne abbia fatto richiesta.

UCCIDERE I DEPRESSI. Come si possono impedire abusi di qualunque genere? Non si può. E infatti dopo appena sei mesi non mancano drammatiche testimonianze. Will Johnston è un medico di famiglia di Vancouver e da mesi racconta casi in cui la legge è stata violata, senza che il governo o il sistema giudiziario del Canada si sentano in dovere di intervenire in alcun modo. Uno di questi casi riguarda un uomo, il cui nome è stato omesso per ragioni di privacy, con una malattia neurologica che l’ha reso parzialmente disabile. L’uomo, «che io ho visitato e che non era neanche lontanamente vicino alla morte, era fortemente depresso. Non usciva più di casa, aveva perso la speranza e sentiva che la sua vita non aveva più senso. Per questo voleva morire».

«È COSÌ FACILE». Ora, scrive Johnston, «a qualunque altra persona non disabile sarebbe stato offerto un aiuto psicologico per uscire da questa brutta situazione». E invece l’uomo è stato ucciso da una dottoressa di Vancouver, che al telefono ha detto esplicitamente alla moglie che «la legge si può aggirare dichiarando che in qualunque momento può morire per un’infezione e che di conseguenza la morte è “ragionevolmente prevedibile”». Johnston è tornato dalla moglie dell’uomo dopo che il marito è stato ucciso con l’iniezione letale e lei gli ha detto: «Non pensavo fosse così facile» essere uccisi «con la nuova legge».

«SIAMO UN PO’ PREOCCUPATI». Davanti a casi simili le parole di un docente dell’università di Toronto, Trudo Lemmens, raccolte sempre da CTV News, appaiono quasi come un eufemismo: «Siamo un po’ preoccupati perché persone vulnerabili o che si trovano in una situazione di vulnerabilità potrebbero essere pressate consapevolmente o inconsapevolmente a scegliere l’assistenza medica alla morte o per motivi economici o perché gli aiuti medici richiesti non sono disponibili».

LA VERA “OPPRESSIONE”. In base al testo della norma, il governo dovrà redigere un rapporto ufficiale sull’andamento della legge solo dopo cinque anni dall’approvazione, cioè nel 2021. Nel frattempo, qualunque abuso potrà essere compiuto nella più totale illegalità, dal momento che i casi di eutanasia devono essere denunciati dai medici stessi, ma nel caso non vogliano farlo per qualsiasi motivo nessun organo è preposto al controllo. Nel frattempo, medici come Ellen Wiebe, sono molto preoccupati da tutti quegli ospedali e case di cura religiosi che non vogliono permettere l’eutanasia nelle proprie strutture per ragioni di coscienza: «Abbiamo molti centri che non permettono neanche di discutere i temi del fine vita. Credo che questa sia una vera forma di oppressione».

Di Leone Grotti 

Fonte: Tempi.it
http://www.tempi.it/canada-eutanasia-non-pensavo-fosse-cosi-facile-essere-uccisi-con-la-nuova-legge


1 commento:

  1. Un vero uomo/donna cristiano, lotta fino alla fine e con ogni mezzo possibile, non si suicida e non prende nulla per eliminarsi, ma aspetta la sua fine con tutto ciò che comporta. Non ha importanza se la mentalità retorica comune è quella di sentirsi dire su questi casi: "che diritto hai tu di giudicare uno che soffre tutta la vita e vuole farla finita?" Certamente, uno fa quello che vuole di sé, faccia come meglio crede, ma col senno di poi, sia chiaro! Si prenda anche la responsabilità delle proprie azioni però, ma come ho detto prima, il vero uomo/donna cristiano, sa che c'è un Dio che giudica e ha costituito il comandamento di “non uccidere”.

    Il Canada dà l’immunità ai medici che fanno uccidere i pazienti specie quelli affetti da depressione, ma con Dio non esiste immunità su questa materia. La dottoressa di Vancouver pagherà le conseguenze di questa maledetta pratica diabolica. Contenta lei!

    RispondiElimina

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...