TRANSLATE THIS BLOG

sabato 12 agosto 2017

Straparlano di "femminicidio", ma se ne infischiano di lavoratrici e pensionate massacrate


Nella loro concezione partigiana e artificiosa del bene e del male, non si dolgono punto delle violenze commesse dai più forti contro i più deboli all’interno di una società sempre più aggressiva e regressiva come quella che stanno imbastendo dal '68 in avanti, ma sbandierano solo quei singoli casi di cronaca che possano calzare ai loro assurdi conii... come quello di “femminicidio”.

Dimentichi del loro stesso mantra e dell'art.3 della costituzione, per i quali maschi e femmine sono uguali davanti alla legge, il loro unico obiettivo è ormai creare in laboratorio categorie sociali astratte a cui attribuire potenziale mediatico, e quindi elettorale, utile alla loro ideologia mondialista e uniformatrice. 

Rendere "la femmina" vittima astratta e assoluta della loro fantomatica società maschilista significa depotenziare l'elemento virile all'interno dell'assetto culturale occidentale, distruggere la famiglia naturale, e contemporaneamente seminare odio e discoesione all'interno della compagine sociale, sterilizzandola.

Chissenefrega, poi, se un’anziana viene sfigurata a colpi di smartphone da una rom di nove anni dolce come il miele e figlia di gente talmente “bisognosa” da farla gingillare con tecnologia ad alto potenziale contundente.

Chissenefrega se rigurgiti di ferocia tornano in auge a spese di lavoratrici che si guadagnano onestamente il pane subendo aggressioni quotidiane sui treni. E chissenefrega se gang di esotici damerini annoiati aggredisce e molesta operatrici nell’esercizio delle loro funzioni, il cui rispetto della divisa sarebbe stato un tempo lustro. No, codeste sono, per lor signori, solo "bazzecole" di quotidianità patite da cittadine, non da "femmine". E soprattutto sono casi di cronaca che è preferibile occultare per via di alcuni dettagli relativi all'identità degli aggressori.

Ma noi lucidi pensatori, tenaci alla "distrazione di massa", mai ci stancheremo di denunciare la concreta violenza inflitta dalle loro fittizie "vittime letterarie" a danno delle nostre concittadine vittime reali.

Fonte: ilPopulista.it
http://www.ilpopulista.it/news/9-Agosto-2017/17263/straparlano-di-femminicidio-ma-se-ne-fottono-di-lavoratrici-e-pensionate-massacrate.html


Nessun commento:

Posta un commento

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...