TRANSLATE THIS BLOG

domenica 10 dicembre 2017

Ma sulla missione e l'evangelizzazione bisogna ascoltare Gesù (e la chiesa di sempre) o le "novità" di Bergoglio?

Durante la conferenza stampa aerea di ritorno dal Bangladesh, il 2 dicembre, (vedi QUI e il Post Scriptum di Sandro Magister QUI ) la giornalista francese Etienne Loraillère ha posto questa domanda a Bergoglio: “Qual è la sua priorità: evangelizzare o dialogare per la pace?”.

La risposta di Bergoglio – dopo una sequela di assurdità inconcepibili – alla fine arriva in questi termini inauditi:

La sua domanda: cosa è prioritario, la pace o la conversione? Ma quando si vive con testimonianza e rispetto, si fa la pace. La pace incomincia a rompersi in questo campo quando incomincia il proselitismo, e ci sono tanti tipi di proselitismo, ma questo non è evangelico”.

In pratica Bergoglio sostiene che annunciare il Vangelo (fare proselitismo) crea divisione e il senso della presenza dei cristiani nel mondo è dialogare, “fare la pace”. MA LA CHIESA NON E’ L’ONU. ESISTE PER ANNUNCIARE GESU’ CRISTO A TUTTI GLI UOMINI.

Come ha osservato Riccardo Cascioli ( QUI ) questa risposta di Bergoglio rende sostanzialmente inutili (se non dannose) le missioni e i missionari e di fatto delegittima i tanti martiri cattolici che ci sono stati nella storia (i quali, evidentemente, hanno fatto l’errore di anteporre l’annuncio di Cristo all’andare d’accordo con tutti)

Una risposta del genere, che poi è perfettamente in linea col comportamento di Bergoglio che di fatto sconsiglia le conversioni, pone una questione molto più grande e grave .

MI CHIEDO SE QUESTA SIA LA RISPOSTA DI UN PAPA… IL MANDATO APOSTOLICO DI GESU’ E’ UN ALTRO ED E’ MOLTO CHIARO:

“Gesù disse loro: ‘Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato’ “ (MC 16,15-16).

“Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato” (MT 28,19-20).

Gesù predisse pure che quest’opera di evangelizzazione avrebbe comportato persecuzioni e martirio: 

“Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia. Ricordatevi della parola che vi ho detto: Un servo non è più grande del suo padrone. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi” (GV 15, 18-20).

Gesù avverte i suoi discepoli che l’annuncio del Vangelo creerà divisione perché le tenebre non possono che odiare la luce, ma siamo egualmente chiamati alla testimonianza: 

“Chi dunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io riconoscerò lui davanti al Padre mio che è nei cieli. Ma chiunque mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io rinnegherò lui davanti al Padre mio che è nei cieli. Non pensate che io sia venuto a mettere pace sulla terra; non sono venuto a metter pace, ma spada. Perché sono venuto a dividere il figlio da suo padre, la figlia da sua madre, la nuora dalla suocera; e i nemici dell’uomo saranno quelli stessi di casa sua” (MT 10, 32-36).

Gesù ci ha anche insegnato che l’annuncio della salvezza è la VERA pace, non quella che il mondo considera tale. E’ proprio evangelizzando che la Chiesa costruisce anche la VERA pace: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi” (GV 14,27).

SE DUNQUE IL MANDATO APOSTOLICO DI GESU’ E LA RAGION D’ESSERE DELLA CHIESA E’ L’EVANGELIZZAZIONE, COME SI PUO’ TACERE DAVANTI A UN PONTIFICATO COME QUELLO DI BERGOGLIO CHE – CON LE PAROLE E LE AZIONI – ROVESCIA TOTALMENTE TALE MANDATO DEL SALVATORE?

CI SONO ANCORA VESCOVI E CARDINALI CATTOLICI? DOVREBBERO SAPERE CHE DIO CHIEDERA’ LORO CONTO DEL LORO SILENZIO COMPLICE. E NEL CASO IN CUI SE LO FOSSERO DIMENTICATI GLIELO RICORDIAMO NOI.

COSA ASPETTANO A FAR SENTIRE LA LORO VOCE E A CONFERMARE PUBBLICAMENTE – DAVANTI AL POPOLO DI DIO – LE PAROLE DI GESU’ NEL VANGELO COME LA MISSIONE DELLA CHIESA?

RICORDARE – PURE A BERGOGLIO, COME MONITO FRATERNO – LE PAROLE DI GESU’ E’ ANCHE UN ATTO DI CARITA’ VERSO DI LUI. ED E’ IL LORO DOVERE DAVANTI A DIO E AGLI UOMINI.

Di Antonio Socci

Fonte: AntonioSocci.com

2 commenti:

  1. E per colpa delle affermazioni apostatiche di questo papa, tocca a noi cattolici riaffermare le verità evangeliche che abbiamo acquisito e che non dobbiamo nascondere davanti agli uomini, altrimenti anche Gesù si vergognerà di noi nel giorno del giudizio.

    Fatevi forza! Se Cristo ha vinto il mondo, possiamo farlo anche noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo ! Il Cristiano Cattolico che ha ricevuto l'insegnamento del sano Catechismo è responsabile. Dobbiamo tutti gridare che Bergoglio si sta comportando da FALSARIO, altrimenti siamo tutti complici di queste ERESIE, imposte dall'alto dell'autorità che crede di avere.

      Elimina

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...