TRANSLATE THIS BLOG

domenica 25 febbraio 2018

"Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!" 2° domenica di Quaresima


La seconda domenica di Quaresima ci propone la meditazione del mistero della Trasfigurazione. Gesù conduce alcuni Discepoli sul monte Tabor e, davanti a loro, rivela lo splendore della sua gloria divina. Gli Apostoli vivevano accanto a Gesù, ne ascoltavano la parola, vedevano i miracoli da Lui operati, ma rimanevano ancora deboli ed incerti. Dopo poco tempo, avrebbero dovuto affrontare un'esperienza molto difficile, quella del Calvario, e avevano bisogno di una prova evidente che Gesù era il Figlio di Dio.

Amore e rispetto sono indispensabili per un rapporto di coppia solido e soddisfacente


Il principale bisogno di una moglie è sentirsi amata, mentre quello di un marito è sentirsi rispettato: ecco come fare il primo passo per ristabilire la pace perduta

Il principale bisogno di una moglie è sentirsi amata. 
Il principale bisogno di un marito è sentirsi rispettato.

Quando questi bisogni trovano risposta, la coppia trova pace, riscopre una nuova intimità, entrambi si sentono profondamente apprezzati e, inoltre, si sperimenta una relazione di coppia così come l'ha da sempre intesa Dio, alla divina!

Ricordate la canzone dei Beatles "All you need is love"?

domenica 18 febbraio 2018

Convertitevi e credete nel Vangelo (Mc 1,12-15) 1° domenica di Quaresima


Da pochi giorni è iniziata la Quaresima. Il Vangelo di questa prima domenica ci presenta un episodio tra i più misteriosi della vita di Gesù: le tentazioni nel deserto. Il Signore si era ritirato nel deserto per pregare e digiunare, e satana lo tentò. Si trattava, ovviamente di tentazioni esterne, in quanto Gesù è la santità stessa e non poteva avvertire interiormente gli stimoli del male: in Lui era impossibile il peccato.

sabato 17 febbraio 2018

Violentata e uccisa a 13 anni dai partigiani. Ma Giuseppina Ghersi "non merita" una via

Giuseppina Ghersi fu violentata per giorni e uccisa dai partigiani. Ma il Comune di Albenga boccia la proposta di dedicarle una strada

Violentata e torturata per giorni dai partigiani, poi uccisa a colpi di pistola. Era il 30 aprile 1945. Per Giuseppina Ghersi(foto a destra), morta a tredici anni, non dovrà esserci memoria ad Albenga, in quelle terre savonesi di cui “Pinuccia” – come la chiamava suo padre - era originaria.

Bocciata, in consiglio comunale, la proposta di intitolare una via alla piccola martire. Ogni volta una lezione diversa, slacciata dal reale, della democrazia antifascista. Questa volta è di storia. L’inquisizione dei nuovi Torquemada parla chiaro: la memoria vale solo se è frutto dell’antifascismo.

Michelle canta la Madonna e le femministe "rosicano"


Serata del Festival di Sanremo dedicata alle donne (e sai la novità). Molti anni fa, quando era ancora in forza ad Avvenire, l’amico Maurizio Blondet venne mandato a seguire il Festival. Era una sorta di punizione, perché il giornalista, ad avviso dell’allora direttore, faceva troppo il "complottologo" commentando da par suo gli avvenimenti (politici) nazionali e internazionali. Blondet, che era stato anche inviato di guerra, si sentì, giustamente, declassato, e, riferendosi al Festival, parlò di sguincio di "imbecillità nazionale". In effetti, già all’epoca non erano più "solo canzonette". Sanremo non lo è mai stato, per gli italiani, e ancora adesso è un avvenimento molto importante, a giudicare dai folli indici di ascolto che registra. Infatti, le serate canoniche erano tre, e avanzavano; poi, visto il successo clamoroso, sono passate a quattro. Prima o poi, se va avanti così, Sanremo durerà una settimana e mi chiedo come mai non abbiano pensato ad abbinarci la Lotteria di Capodanno.

martedì 13 febbraio 2018

Meluzzi: “È stata la mafia nigeriana a uccidere Pamela”


Alessandro Meluzzi spiega la sua teoria sull’assassinio della giovane maceratese: “Il caso di Pamela, come altri omicidi nel passato, ha a che vedere con metodologie che la mafia nigeriana applica sistematicamente”

Due fendenti al fegato e un colpo alla testa. L’esame istologico parla chiaro: Pamela Mastropietro non è morta di overdose.

A uccidere Pamela è stata la mafia nigeriana”. Non ha dubbi il criminologo Alessandro Meluzzi che, dalle colonne di Italia Oggi, spiega la sua teoria sull’assassinio della giovane maceratese: “Il caso di Pamela, come altri omicidi nel passato, ha a che vedere con metodologie che la mafia nigeriana applica sistematicamente”.

giovedì 8 febbraio 2018

Il cardinale Marx apre alle benedizioni delle coppie gay


Monsignor Franz-Josef Bode, il numero due della Conferenza episcopale tedesca, circa un mese or sono aveva affermato in merito alla possibilità di benedire le coppie omosessuali: “Ormai sono un fatto: visto che c’è molto di positivo, buono e corretto in questo, perché non considerare non una messa, ma almeno una benedizione?”.

Se i veri extra-comunitari sono i nostri figli. E noi. (di Maurizio Blondet

A proposito della squartata di Macerata, del nigeriano e dello sparaccchiatore, una lettrice mi scrive:

Interessante tutto quello che scrive a proposito dell’omicidio di questa Pamela;
Certo il nostro governo è lassista con i migranti. Certo i migranti sono pericolosi
Ma io mi chiedo: e queste Pamele e questi Traini sono degli italiani completamente manipolati l’una da due nigeriani malfattori (cosa le salta in mente di andare in un hotel con loro due a quella innocentina?) e quel Traini béh una cosa è certa è che è stato manipolato.
Finché ci saranno delle pamele e dei traini il governo potrà continuare a essere quello che è. Le colpe di quello che stanno in alto sono anche a causa delle colpe di tutti noi che stiamo in basso.
Buona giornata

(Lettera Firmata)

mercoledì 7 febbraio 2018

Il santo col panino. Se anche l'occhio è malato, si cercherà la pedofilia dove non c'è

I cosiddetti social network sono una buona cosa? Sono come la stampa, bellezza: tutto dipende dall’uso che se ne fa. Uno spazio in cui scrivere è una benedizione se chi ci scrive è il saggio, una jattura se vi mette mano l’imbecille. Questa serena riflessione è scaturita dall’ultima novità-scandalo (si fa per dire) lanciata dai social, ripresa e rilanciata dai media, amplificata fino a copertura mondiale da questi ultimi. Si tratta di questo: nella scuola australiana Blakfriars di Adelaide c’è, nel cortile, una statua che raffigura un Santo nell’atto di offrire un pane a un bambino. I «blackfriars» nel mondo anglosassone sono i domenicani, «frati neri» per via del colore del mantello.

Il femminicidio è grave ma se, come nel delitto di Pamela,l'assassino è un immigrato tutto cambia


Pare sia stata María Marcela Lagarde, una femminista messicana, a coniare il termine «femminicidio», che però solo dal 2010 ha acceso la fantasia dei giornali italiani. E dei telegiornali, uno dei quali (il Tg2, per la precisione) addirittura ne tiene il conto e ne aggiorna i teleutenti con un riquadro numerato in alto a destra dello schermo: per esempio, «quarantacinquesimo femminicidio dall'inizio dell'anno...». Il termine implica in sé un'aggravante: se uccidi un uomo, un bambino, un vecchietto, anche la nonna, è un delitto comune, ma se ammazzi la moglie o la convivente è un reato a sé stante, a tutto tondo.

Grazie al cristianesimo l'umanità fiorì


E' grazie al Vangelo che abbiamo le nostre case riscaldate, l'abbondanza di cibo e beni, i diritti, ecc.

Che cosa sarebbe il mondo senza il cristianesimo e la civiltà che esso ha generato? A questa domanda è stato risposto più volte e in modo esauriente, ma la memoria è forse la cosa più labile che esista, anche perché è la più facilmente inquinabile. Perciò, stancamente, ricordiamo com'era il mondo prima di Cristo e, visto che ci siamo, diamo un'occhiata a quelle parti di mondo in cui Cristo non c'è. Il mondo non cristiano, sia ateo, sia buddista, sia induista o musulmano, colpisce per la sua staticità.

martedì 6 febbraio 2018

Omoeresie sul catechismo cattolico, ovvero modifiche del catechismo per non offendere i gay. Pazzesco!


Sul sito del Vaticano è stata fatta una correzione del Catechismo della Chiesa Cattolica dove viene sdoganata l’omoeresia” (di Fra Cristoforo)

Siamo grati al giornalista Steve Skojek per aver divulgato per primo questa notizia. Infatti, grazie a questo suo articolo https://onepeterfive.com/is-the-vatican-tinkering-with-the-online-catechism-to-remove-catholic-teaching-on-homosexuality/ siamo giunti anche noi ad una sconvolgente scoperta. Sul sito del Vaticano, in un link secretato, hanno cambiato il Catechismo della Chiesa Cattolica in materia di omosessualità. Infatti se prima detto canone 2358 così riportava:

Che cosa significa “666”, la cifra (simbolica) della bestia?


Su questa domanda – che molto inchiostro ha fatto versare (specie ai settari e protestanti , adenominali, falsi profeti solitari ecc. ndr) – Sébastien Morgan sviluppa, a partire da una visione ispirata ai Padri della Chiesa, delle interpretazioni storiche che alcuni troveranno interessanti.

All’origine sta un passaggio dell’Apocalisse: 

"Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tal cifra è seicentosessantasei." 

(Apocalisse 13,16-18) 

Ankara: spezzeremo le gambe alla Grecia (profezia del monaco Paisios)


Lo ha minacciato di punto in bianco Ygit Bulut, uno dei primari consiglieri di fiducia di Erdogan. La ragione della sua furia: l’isoletta disabitata di Imia, che i turchi chiamano Kardak , e di cui rivendicano il possesso. Ripetendo una minaccia che fu pronunciata da un altro, e non gli portò fortuna.

Atene dovrà subire la furia della Turchia, peggio di quella della nostra offensiva di Afrin. Spezzeremo le gambe e le braccia di ogni funzionario, parlamentare o ministro che osi mettere piede sull’isola”. Il motivo è che qualche giorno prima il ministro greco della Difesa, Panos Kammenos, era andato su una nave militare presso Imla a lanciare una corona in mare in onore di tre soldati greci caduti durante un precedente scontro per Imla, nel 1996, che portò i due paesi NATO all’orlo della guerra.

domenica 4 febbraio 2018

Ecco ciò che non vi dicono sulle prossime elezioni


Il vero protagonista di questa campagna elettorale sta nell’ombra: è il “partito straniero”, che sui giornali (che nella quasi totalità stanno dalla sua parte) viene chiamato “l’Europa”. In realtà l’Europa è da tempo una colonia della Super Germania a cui cerca di associarsi la Francia. E l’Italia è il pollo da spennare (ormai già ridotto malissimo). Questa cosiddetta “Europa” – nelle elezioni italiane – punta sul PD e liste associate (come “Più Europa” di Emma Bonino che significa per l’Italia: più immigrati, più tagli, più tasse, più disoccupazione, più sottomissione dell’Italia, più laicismo anticristiano, più affossamento dello stato sociale e ancora più annientamento dello stato nazionale). Ho cercato di illustrare le vere strategie che si dispiegano e la vera posta in gioco in questo articolo pubblicato da “Libero”.

"Si ritirò in un luogo deserto e là pregava" (Mc 1,35)


Il Vangelo di oggi è ricco di insegnamenti per la nostra vita cristiana. Prima di tutto impariamo ad essere sempre riconoscenti al Signore, il quale continuamente ci benefica con la sua grazia. Nel brano che abbiamo appena ascoltato è riportato il commovente episodio della guarigione della suocera di Simone. Non può sfuggirci un particolare: appena quella donna fu guarita si mise a servire Gesù e i suoi discepoli. Immaginiamoci con quanto amore e riconoscenza ella si mise a contraccambiare la grazia ricevuta.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...