TRANSLATE THIS BLOG

mercoledì 6 giugno 2018

Non temiamo lo spread, figuriamoci l’ArciGay



La prima bufera mediatica s’è scatenata dopo le dichiarazioni pro-famiglia del Ministro Fontana. Il pensiero unico è in fermento

La mamma è la mamma, il papà fa il papà, e i bambini li adottano i genitori così composti, lasciando libertà a chicchessia di amarsi e amare reciprocamente il sesso che gli pare. In fondo il neo Ministro per la Famiglia Fontana non ha mica aperto le porte dell’Ade, affermando tali banalità.

Ma tant’è, in Italia ciò che fino a poco tempo fa era normale asseverare, è divenuto bestemmia, illazione, calunnia e offesa alla sensibilità di tutti coloro i quali si sentono arcobaleno, LGBT, non convenzionali.

La famiglia non dev’essere quella tradizionale, o cristiana, anzi è tabù, è diventato quasi volgare avere genitori di sessi diversi. Non sarà lontano il tempo in cui proveremo disagio a rinnegare la scheda scolastica “Genitore 1 e 2”, per chiedere quella etero.

Un po’ come è successo con il crocefisso nelle aule pubbliche, quel Cristo in croce non ha offeso mai nessuno e neanche ha mai interessato qual si voglia coscienza, sino a quando i media non hanno acceso il dibattito ed il tam tam è divenuto assilante.

Alt! Offende le altre religioni, turba le fedi, indigna la laicità suprema dello Stato. Personalmente non ho nessuna aderenza cattolica, e credo che il Credo (qualunque esso sia) debba rimanere fuori dalle aule legislative ed esecutive.

Tuttavia, non è Iddio o il Grande Fratello (che nel tempo della mediocrazia è la stessa cosa) – visto che Barbara D’Urso, leggo dai giornali, ha criticato Fontana - a dirci come nascono i bambini, per esempio, ma la biologia. E se la natura è una scienza più esatta dei radical chic, ci sono evidentemente degli equilibri nella crescita di un pargolo se ha bisogno di una madre e di un padre, come pure avallano i pediatri in contrapposizione con gli psicologi.

Siamo in un tempo di grande caos, non v’è dubbio. Però una cosa è certa, ed è stata vergata dal corpo elettorale. Hanno votato per il cambiamento, mica per i Cirinnà.

Di Andrea Lorusso

Fonte: ilPopulista.it
http://www.ilpopulista.it/news/5-Giugno-2018/26655/non-temiamo-lo-spread-figuriamoci-larcigay.html



Nessun commento:

Posta un commento

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...