TRANSLATE THIS BLOG

venerdì 28 settembre 2018

Migranti stuprano e delinquono. Ma la Caritas non vuole si sappia


Ora la Caritas e Migrantes vogliono pure indicare le notizie che gli italiani devono vedere o leggere sui migranti.

Il motivo? È necessario secondo le organizzazioni della Chiesa che “le nostre comunità" acquisiscano una nuova “grammatica della comunicazione” che sia “aderente ai fatti e rispettosa delle persone”.

Il rapporto sull'immigrazione

Nel loro Rapporto Immigrazione, Caritas e Migrantes hanno monitorato le notizie riguardanti l'immigrazione apparse nei telegiornali di prima serata delle reti Rai, Mediaset e La7. E cosa ne esce fuori? Che in dodici anni pezzi, servizi e minuti dedicati al tema dell’immigrazione sono cresciuti in maniera esponenziale, fino a dieci volte tanto che in passato. Siamo arrivati infatti dalle 380 notizie del 2005 alle 4.268 del 2017.

Secondo il rapporto ci sarebbe una correlazione tra i flussi migratori che arrivano nel Belpaese, l’interesse mediatico verso gli immigrati e “gli eventi di natura politica” che riguardano il Paese. "Colpisce constatare – si legge - che la sensazione di minaccia alla sicurezza e all'ordine pubblico ricondotta all'immigrazione sperimenta dal 2013 una crescita costante. Nel corso del 2017 i telegiornali di prima serata si soffermano per lo più sui flussi migratori (40%), riservando quasi la metà delle notizie ai numeri e alla gestione degli sbarchi sulle coste italiane. Un ulteriore 34% dei servizi tele-giornalistici è dedicato a questioni che mettono in relazione immigrazione, criminalità e sicurezza".

Caritas e Migrantes criticano il fatto che non ci siano quasi mai "buone notizie" sui migranti. Al racconto dell'accoglienza, infatti, nel 2017 è stato riservato solo l'11% delle notizie. Ma ci sarà un motivo, no?

I reati dei migranti

A certificare il boom di reati degli immigrati ci sono infatti i dati. Freddi numeri. A rivelarli, come scritto dal Giornale, è stata la Fondazione Hume nell’analisi intitolata “Crimine e Immigrazione in Italia”. I dati provengono dall’Istat, che li ha messi insieme domandandoli alle procure e al ministero dell’Interno (dunque tenendo conto sia delle condanne o dei procedimenti aperti che alle semplici denunce). Cosa ne viene fuori? Che in tutte le tipologie di reato i crimini degli immigrati sono maggiori, in proporzione alla popolazione, a quelli degli autoctoni. Ne siete sopresi? No. Ma a quanto pare la Caritas sì. Per esempio negli omicidi volontari dal 2006 al 2015 gli immigrati imputati sono cresciuti del 22% mentre i nativi sono diminuiti del 17%.

Dati simili erano stati diffusi dal Viminale anche per il 2018. Tra i reati contestati agli stranieri risultavano in crescita le violenze sessuali (+5,7%), le rapine (+5,7%), i furti (+5,1%), le truffe e le frodi informatiche (+4,3%), fino ovviamente ai crimini legati agli stupefacenti (+5,2%). E pensare che mentre i reati degli stranieri aumentano, quelli generali sono in riduzione. In generale tra il 1 gennaio e il 30 giugno del 2018 sono state denunciate e/o arrestate 429.506 persone, di cui 136.876 stranieri (il 31,9% del totale). In fondo anche lo stesso rapporto di Migrantes certifica che "al 31 dicembre 2017 la popolazione carceraria conta 19.745 detenuti stranieri tra imputati, condannati e internati. Rispetto allo stesso periodo del 2016, quando gli immigrati erano 18.621, si registra un incremento del +6%".
L'allarme della Caritas

Eppure la Caritas tira dritto. "Abbiamo sentito come gli stereotipi sulle migrazioni possono creare un'isteria collettiva – ha detto don Francesco Soddu, direttore della Caritas italiana - non possiamo tacere la preoccupazione per la costruzione di luoghi comuni sui migranti e su chi lavora per ospitarli. Le Ong sono dipinte come il nemico numero uno". Secondo Soddu "esiste una narrazione falsata del fenomeno migratorio”. E così la Cei è pronta a "promuovere tutto ciò che potrà contribuire ad un'opera di contenimento di questa deriva culturale".

Fonte: ilGiornale.it
http://www.ilgiornale.it/news/politica/migranti-stuprano-rubano-delinquono-caritas-non-vuole-si-1581946.html


1 commento:

  1. Problema è che la Caritas che riceve ordini dal Vaticano difende questa immigrazione di massa non per amore o agape, ma per denaro. Chi accoglie immigrati prende soldi dall’UE come ricompensa alla complicità alla distruzione demografica del nostro paese. Dietro all’agape incondizionato si nasconde sempre Mammona. Ecco il vero volto dell'accoglienza che c’impone El Papa, è solo il denaro che va alle loro tasche. Noi dobbiamo invece mantenere i neri che stazionano tutto il tempo davanti ai supermercati e farmacie con offerte dal resto della spesa. E molti di noi sono disoccupati,nessuno ci da un lavoro, ci paga le bollette. Mi dite voi che razza di accoglienza e integrazione sarebbe questa? Avete visto il caso della Diciotti? Tutti quegli immigrati accolti dai vescovi di “larghe vedute” e poi puff, tutti spariti. Questa non è accoglienza, questa è truffa politica e complicità. Si crea un danno enorme al nostro paese, si prepara una bomba sociale così grande che esploderàda Lampedusa fino agli estremi confini del nord europa. Quando non riceveranno più soldi come i poket money voi pensate che se ne staranno buoni e faranno una fila ordinata davanti alle caritas per avere un ricarica telefonica o qualcosa da spendere al bar? Questi sono come soldati venuti in massa, tutti di sesso maschile, robusti fisicamente, credetemi, ma guai a chi si rende complice di questi ingressi disordinati e in massa. Nemmeno li evangelizzano. Ne facessero almeno dei soldati di Cristo, tanto meglio. Macché!! Si parla del rispetto della religione altrui tanto che la Chiesa non fa più conoscere Cristo e la sua Parola agli immigrati, ma non fu lo stesso Gesù nel dire che chi lo avrebbe rinnegato o si sarebbe vergognato di lui, anch’Egli si sarebbe vergognato di chi lo avrebbe rinnegato davanti agli uomini? (Luca 12:8-12) Ma fate un po’ come vi pare!!!

    RispondiElimina

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...