TRANSLATE THIS BLOG

martedì 9 ottobre 2018

Il partito islamico sfida l’Europa: “Vogliamo imporre la sharia”


“Noi abbiamo tutto il diritto di imporre la sharia qui in Belgio, nel modo che vogliamo”. In un cafè della città cuore pulsante dell’Europa, Abdelhay Bakkali Tahiri – presidente del partito Islam e candidato alle elezioni comunali- racconta a Gli Occhi della Guerra le sue proposte per un “Paese più giusto”. Insieme a lui, c’è anche il vice-presidente del movimento, Talal Magri. Quando entro nel locale si alzano e accennano a venirmi incontro ma, una volta face-à-face, non mi allungano la mano per stringermela. Un non-gesto che mi lascia alquanto interdetta. Ma proseguiamo. Tahiri è candidato sindaco, Magri, invece, si presenterà alle Europee di maggio. “Non abbiamo paura a dire che vogliamo imporre la sharia, perché la sharia è compatibile all’80% con la Costituzione”, spiega il presidente. “E tutto questo non ha nulla a che fare con lo Stato islamico o con il fatto di tagliare teste ecc…Sharia significa unità e solidarietà”, afferma. Tutto e niente, quindi.


Il partito è nato nel 2012 e ad oggi ha tre eletti in diversi Consigli comunali della capitale europea. Nel volantino di presentazione si legge che a spingere alcuni cittadini a riunirsi e a fondare il movimento è stata “l’inumanità” che si respira nel Paese: “La mentalità dei nostri dirigenti deve evolvere affinché accettino che si possa essere belgi e musulmani allo stesso tempo”. Vogliono che il Belgio diventi “il cuore del mondo” e non solo dell’Europa. Un Paese in cui anche i musulmani possono dettare regole. Le loro regole. Come ad esempio il fatto di proporre la segregazione della donne sui mezzi pubblici. “Tantissime donne ogni giorno denunciano molestie all’interno di autobus e metro. Per questo riteniamo che per venire incontro alle donne più fragili ci debba essere questa divisione”.

Le loro proposte ruotano tutte intorno alla parola sharia. “Sharia non è solo l’unità di Dio. È l’unità di tutti. Per questo penso sia assurdo che una città come Bruxelles sia divisa in 19 comuni”, afferma Tahiri. E sempre sul volantino-manifesto si legge: “Perché le feste musulmane sono soggette a delle polemiche? Non potrebbero anche loro attirare turisti e investitori nelle nostre grandi città, proprio come per le feste cristiane?”.

Solo qualche giorno fa, il fondatore del partito, Redouane Ahrouch, ha fatto una previsione: “Bruxelles nel 2030 sarà a maggioranza musulmana”, ha affermato all’agenzia Adnkronos. “Il 33% della popolazione – aggiunge – è di religione islamica. Su 1,2 milioni di abitanti, ci sono circa 400mila musulmani. Nel giro di 12 anni, nel 2030 saremo in tutto 1,3-1,4 milioni e noi saremo la maggioranza”.

Non si sa se questa previsione sia esatta. Ad ogni modo, nonostante il malcontento bipartisan nei confronti del movimento, il loro obiettivo resta chiaro: affermare una nazione islamica a tutti gli effetti nel Paese capitale dell’Unione europea.

Fonte: OcchidellaGuerra.it
http://www.occhidellaguerra.it/il-partito-islamico-sfida-leuropa-vogliamo-imporre-la-sharia/


3 commenti:

  1. Guardate che razza di casino hanno creato le massonerie in Europa facendo venire i musulmani oltre i nostri confini. Questi sono i risultati, sono le pretese e si avvicinano i giorni di rivolta predetti dai veggenti cattolici. Io ve lo dichiaro pubblicamente, la massoneria è stata creata non per liberare l'uomo dai condizionamenti, dai dogmi del passato e dall'oscurantismo medioevale, ma per distruggere il cristianesimo e la chiesa cattolica, e ha adottato anche questo stratagemma dell'immigrazione dei neri e dei musulmani. La massonerià è una sinagoga di satana di origine ebraica. Lo spirito dell'anticristo proviene da lì.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo ringraziare gli autoctoni che hanno perso la fede in Cristo ed hanno spalancato le porte a questa gentaglia, che potrebbe portare l'Europa ad una punizione tremenda. Per grazia abbiamo la Madonna in mezzo a noi che, ancora una volta, ci salverà, non dopo aver pagato fino all'ultimo spicciolo il prezzo del nostro tradimento.

      Elimina
    2. e purtroppo anche la Chiesa e i suoi cattivi apostoli infiltrati al suo interno che stanno lavorando per distruggere la casa di Cristo con questa farsa dell'accoglienza musulmana e il sincretismo. Vedrai, come Dio distrusse il tempio di Salomone per la sua disubbidienza, darà una bella ripulita anche in Vaticano, ma le porte degli inferi non prevarranno su di essa. Ci puoi scommettere quello che vuoi perché Gesù non può mentire e non può perdere contro il divisore, Lui, dopo il Padre, è il più forte di tutti.

      Elimina

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...