TRANSLATE THIS BLOG

sabato 23 febbraio 2019

Uno sbaciucchio di troppo. Hanno beffato Bergoglio.

Bacia Marek Lisinski, sedicente vittima di prete pedofilo. La signora in rosso è quella che vuole trascinare la Chiesa davanti al Tribunale dell’Aja.

“Voglio portare la Chiesa cattolica davanti al tribunale internazionale dell’Aja; per questo sto valutando di partecipare alle elezioni europee”: così ha dichiarato ai giornali polacchi Joanna Scheuring-Wielgus. Se vi domandate chi è costei, è una politicante polacca, parlamentare, militante pro-aborto e pro-sodomiti, che il 20 febbraio scorso era alla udienza generale ed ha presentato a Bergoglio un rapporto sugli abusi pedofili nella Chiesa polacca. Guidava una delegazione di due “vittime” della pedofilia clericale. Fra queste Marek Lisiński, presidente di una fondazione non altrimenti nota, “Non aver paura”, che unisce appunto le “vittime” presunte.

Bacia Marek Lisinski, sedicente vittima di prete pedofilo. La signora in rosso è quella che vuole trascinare la Chiesa davanti al Tribunale dell’Aja.


Il Marek ha raccontato a Bergoglio di essere stato vittima di abusi di un prete, quando a 13 anni faceva il chierichetto e serviva Messa. Sentito ciò, El Papa gli ha baciato la mano col trasporto mediatico ben noto con cui sbaciucchia piedi di “immigrati” e di “vittime della Shoah”, ha iniziato a pregare con “le vittime” e ha promesso di leggere il rapporto. Anzi di riferirne al sinodo sui preti pedofili che stava per aprirsi.

Nessuno ha avvertito il pontefice che i due, atei militanti e attivisti pro-aborto noti nel loro paese, gli stavano giocando un tiro. Che Lisinski sia mai stato chierichetto a tredici anni né dopo, non risulta alla Chiesa polacca. Lo si conosce invece come un ex alcolista e, appunto, un attivista anticlericale. Intervistato dalla tv polacca di Stato, Lisinski ha detto chiaramente cosa si ripromette dalla sua accusa: vuole guadagnarci dei soldi. Ha citato i precedenti di cause in Usa ed Australia, che hanno reso molto bene alle “vittime”, a spese degli episcopati.

Quanto alla signora Scheuring-Wielgus, nota al suo paese per le sue campagne: vuole che non si chiami “essere umano” un feto abortito – ha detto che conta di ottenere “le dimissioni dell’episcopato polacco” tutto quanto. Ed a questo scopo si presenterà alle elezioni europee. Essa milita nel partito “Adesso! “. Anzi sarà la prossima leader di questo partito, superando l’attuale capo Ryszard Petru, europarlamentare.


Il giurista Tomasz Kwaśniewski, procuratore e presidente Ordo Iuris, ha risposto alla signora, beffardamente, che il mandato di eurodeputato non ha nulla a che fare con il Tribunale Internazionale dell’Aja, e quindi “può fare a meno di concorrere alle elezioni”. E’ chiaro a tutti che la signroa e il suo Lisinski si sono beffati del Vaticano per i farsi un po’ di publicità.

Ciò aggiunge un tocco di farsa al già tragicomico Sinodo sui preti pedofili, che tace sui preti omosessuali (che sono se mai il vero problema specie ai vertici). Altri hanno fatto notare che la simpatia di Bergoglio per le “vittime degli abusi” è selettiva.

Il 4 febbraio un tale Artuto Borrelli, che protestava pacificamente davanti al Vaticano dicendosi vittima di abusi sessuali preteschi quando era bambino, è stato arrestato e ammanettato, non baciato e sbaciucchiato. Bergoglio non ha mai voluto ricevere la mamma di un bambino che fu abusato da un prete argentino, Ruben Pardo, morto di Aids, che Bergoglio a suo tempo protesse e nascose in Argentina, nella casa di riposo sacerdotale di Condarco 581, anzi la fece cacciare dalle sue guardie. A Buenos Aires è notorio che lui ignorò uno scolaro che fu abusato sessualmente nella scuola del piccoli cavalieri (caballitos) di Maria. Non possiamo confermare quello che rivelò al Guardian il prete omosessuale Joan Carlos Cruz nel maggio 2018: il sacerdote, a 87 anni, si sarebbe sentito dire in udienza privata dal pontefice: “Il fatto che tu sia gay non importa. Dio ti ha fatto in questo modo e ti ama in questo modo e a me non interessa. Il Papa ti ama come sei. Devi essere felice di chi tu sia”.

Il Vaticano non ha riposto alle richieste di confermare o smentire, quindi non dev’essere vero.

(I precedenti sbaciucchi)

Alle vittime della Shoah

Bacia detenuti islamici “vittime” di Salvini. Pro memoria: la lavanda dei piedi è l’atto liturgico con cui – in ricordo di quel che fece Gesù agli Apostoli – un vescovo bacia i piedi dei seminaristi della sua diocesi che stanno per essere ordinati sacerdoti da lui. Gesù non baciò piedi a detenuti e pagani, o a gente comune, ma solo ai discepoli, prossimi sacerdoti. Bergoglio ha distorto e falsato il significato di questa azione. Ma piace ai media.

Di Maurizio Blondet

Fonte: MaurizioBlondet.it
https://www.maurizioblondet.it/uno-sbaciucchio-di-troppo-hanno-beffato-bergoglio/


3 commenti:

  1. Guardate, ve lo voglio dire forte e chiaro, la chiesa si è messa a chiedere scusa agli ebrei da tempo perché hanno costretto i papi che hanno succeduto l'ultimo concilio a dichiarare che non furno i loro padri a uccidere Cristo ma l'umanità. La chiesa si è messa a baciare i piedi agli islamici come sottomissione a maometto. Si è messa a baciare le mani a finte vittime di abusi sessuali su minori per dare alla chiesa una cattiva immagine di se e al contempo, non riconosce i veri abusati e non scaccia via i preti sodomiti che violano vere vocazioni nei seminari. L’amministrazione di Bergoglio fa schifo. Per essere credibile dovtrebbe fare una bella purga come vole va fare papa Albino Luciani(un vero papa) che voleva togliere al suo interno certi cardinali iscritti alla massoneria, certi filoebrei e certi gesuiti irreducibili con le loro larghevedute progressiste che non volevano allinearsi al Magistero della Chiesa, di certi legami che facevano pervenire flussi di denaro da fonti illecite per il riciclaggio. Ma che c... di chiesa è diventata quella di oggi? Una fogna, che prende ordini dall'ex amministrazione Obama, dai Soros, dai Clinton e da tutte quelle carogne di sinistra e massoniche che si celano dietro alla figura di questo signore che non fa altro tutto il giorno che rimproverare noi cattolici e tenerci a bada coi ricatti morali dei suoi predicozzi e flirtare pubblicamente coi nemici della chiesa. Ricatta chi ti pare, bacia tutti i piedi puzzolenti di maometto o dei portatori di kippah o dei grembiulini con squadra e compasso, o della Bonino che vogliono più europa e più aborti, oramai sei stato smascherato. Non me la prendo solo con questo signore, disprezzo anche la politica attuale che si è succeduta illegalmente e abusivamente nei governi italiani precedenti, disprezzo Mattarella per la sua ipocrisia nel fare predicozzi morali agli italiani, proprio lui, un abusivo, uno che ha ostacolato le scorse elezioni. Disprezzo Draghi, quel massone, “vile speculatore finanziario” come lo chiamò l'ex presidente scomparso Francesco Cossiga, che dice nei suoi recenti richiami che "Un Paese perde la sovranità se ha il debito troppo alto" quando invece gli stati hanno perso sovranità con l'inganno della promessa di un unità europea dal potere centralizzato, e da una moneta unica stampata sul nulla. O che cita illecitamente e farisaicamente un’affermazione di Benedetto XVI sulla “sovranità degli stati per mezzo della condivisione” andando completamente in contraddizione con la sua vera natura da speculatore per ingannarci di nuovo con le sue menate pubbliche. Parla proprio lui di condivisione e richiami, con quella sua faccia di c... che sembra un serpente stampoata su di una moneta a due facce che pensa solo a mettere in ginocchio gli stati con quella falsa moneta e i deficit. Do la colpa anche Berlusconi amic di Renzi e del PD, vendutosi di nuovo all’UE della Merkel e di Macron, che tiene in ostaggio questo paese da tempo con quelle sue tv-spazzatura e fa i suoi comizi elettorali dalla sacerdotessa della tv, Barbara D’Urso (che sbandiera pure di esser cattolica, si fa per dire), dicendo una cosa e il giorno dopo ne dice un'altra cercando di nascondere o rattoppare quel suo narcisismo patologico, che voleva addirittura proporre alla presidenza della repubblica proprio Mario Draghi, un massone e speculatore che ci fa la morale a noi impoveriti e tartassati. Sono tutti complici a caccia di consensi elettorali e al contempo cercano di ingannare le popolazioni europee col ricatto morale del razzismo, dell’evasione fiscale, dell'egoismo e del populismo sovranista. Lontani da noi, voi politici operatori di illegalità, maledetti nel fuoco eterno. La massoneria è ogni forma di setta sono vietate nella nostra costituzione italiana. La vostra responsabilità verso il paese è grave. Avete veramente rotto i co.....i !

    RispondiElimina
  2. Caro Deep, stavolta hai sparato a zero.... e hai detto la verità, nient'altro che la verità, senza giuramento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa gente non va né tollerata, né perdonata, ma denunciata pubblicamente. Guarda in che condizioni ci hanno messo e continuano ancora nel farci le loro prediche pubbliche! Se avessi sentito l'omelia di domenica scorsa dell'argentino vestito di bianco affacciato su piazza san pietro, che faceva di nuovo il suo rimprovero subliminale a certi membri del governo attuale e a certi cattolici sul fatto di accoglienza...

      Elimina

.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...