TRANSLATE THIS BLOG

martedì 30 luglio 2019

Il caso Epstein svela la piramide dei pedo-satanisti (di Francesco Lamendola)


All’ombra del premio Nobel per la Pace, Barack Obama, e della candidata alla sua successione, Hillary Clinton, non solo il mondo sarebbe andato incontro alla terza guerra mondiale, visto che i vertici del Partito Democratico avevano deciso di attaccare l’Iran col pretesto dell’uranio arricchito (proprio come nel 2003 quelli del Partito Repubblicano avevano deciso, con Bush jr, di attaccare l’Iraq col pretesto delle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein, mai trovate perché inesistenti), ma sarebbe rimasta intatta e avrebbe ulteriormente prosperato la piramide pedo-satanista, come la chiama il ricercatore indipendente Marcello Pamio, che agisce ai massimi livelli dei servizi segreti americani – e, naturalmente, israeliani.

domenica 28 luglio 2019

"Non abbiamo fratelli maggiori" (di Don Curzio Nitoglia)


Curzio Nitoglia: “Non abbiamo Fratelli Maggiori ~ L’Antica Alleanza è stata revocata e gli Ebrei hanno bisogno di Gesù per salvarsi”

PROLOGO

Il 28 ottobre del 1965, poco prima della fine del Concilio Vaticano II (8 dicembre 1965), venne promulgata la Dichiarazione conciliare Nostra Aetate (la citeremo con l'abbreviazione NA) sui rapporti tra Giudaismo[1] postbiblico o talmudico (ben distinto dal Vecchio Testamento) e Cristianesimo. A partire da essa vi è stata una vera “sovversione” della dottrina cattolica sul tema della contro/religione giudaica/postcristiana.

sabato 27 luglio 2019

La tempesta sedata (di Francesco Lamendola)


Il celebre episodio miracoloso della tempesta sedata, o della burrasca sul lago, è raccontato da tutti e tre i Vangeli Sinottici (Matteo, 8,23-27: Marco, 4, 35-41; e Luca, 8,22-25); scegliamo la versione di Marco, in questo caso la più ricca di particolari, pur nell’estrema sobrietà, per non dire concisione, del racconto:

mercoledì 24 luglio 2019

Ursula von der Leyen, il peggio del peggio


Ursula von der Leyen, la cui nomina ha affossato l’ultima parvenza di democraticità nell’Ue, è stata eletta a capo della Commissione europea per un soffio. Il suo programma? Parità di genere, ambientalismo stile Greta e un nuovo patto sui migranti

Se il buongiorno si vede dal mattino, l’avventura della tedesca Ursula von der Leyen alla guida della Commissione europea non è cominciata molto bene. Non solo perché ha strappato l’approvazione del Parlamento europeo per appena nove voti, con il determinante appoggio del Movimento 5 stelle (quelli del cambiamento che sferzavano il Ppe), non solo perché è stata scelta con «una poco trasparente manovra di palazzo» (Corriere), ma anche perché dalle priorità indicate, e da come le ha esposte, si deduce una «sostanziale assuefazione allo status quo» che «non riavvicina l’Europa ai cittadini» (ancora Corriere).

Ogni giorno noi italiani siamo costretti a subire la farisaica dittatura culturale di sinistra (di Nicola Porro)


Un giovane di destra scrive al giornalista Nicola Porro e dice quanto sia difficile essere di destra alla sua età in questo Paese, ma è nulla rispetto a quanto sia difficile essere un attore e non essere di sinistra. Racconta del suo mondo, nel quale chi non la pensa come lui è meglio che taccia.

martedì 23 luglio 2019

Santa Brigida


Santa Brigida di Svezia (1303-1373), la mistica venuta dal Nord che l’1 ottobre 1999 è stata proclamata da Giovanni Paolo II compatrona d’Europa, è uno di quei modelli di santità capaci di racchiudere molteplici vocazioni, che ne fanno una delle più ricche e luminose figure del XIV secolo oltre a un pungolo costante verso la perfezione cristiana. Colei che nella sua vita fu sposa, madre, dama di corte, terziaria francescana, vedova, fondatrice di un ordine religioso, esortatrice di pontefici e regnanti, era nata nel castello di Finsta, un borgo nella provincia svedese dell’Uppland, da una famiglia aristocratica. I genitori la chiamarono così per devozione a santa Brigida d’Irlanda.

Se anche alle claustrali "non basta più pregare" (LaNuovaBQ.it))


A parte i soliti luoghi comuni e la disinformazione su cui si basa, la lettera-appello di decine di monasteri di clarisse e carmelitane scalze a favore dell'accoglienza di tutti gli immigrati, rivela una disistima verso la preghiera, che pure dovrebbe essere il fondamento della vita contemplativa. Un pericolo per tutti i cattolici.

Nel 1972 usciva anche in Italia un film cileno, “Non basta più pregare”: la storia di un prete che, confrontandosi con situazioni pesanti di povertà e ingiustizia sociale, cerca prima di realizzare opere sociali per risolvere i problemi, per poi passare all’attivismo politico e infine alla rivoluzione. Era l’esaltazione della parabola di un certo cattolicesimo latino-americano, quello da cui nasce la “teologia della liberazione”, e che sembra oggi rinascere qui da noi, sull’onda dell’isteria immigrazionista che ha colpito una parte importante del mondo cattolico.

lunedì 22 luglio 2019

Complotto contro la Chiesa e la società civile - La Massoneria e l'Alta Vendita Suprema

Papa Ganganelli invece si pose, colle mani e coi piedi legati, nelle mani dei Ministri Borbonici che gli mettevano paura e degli increduli che lodavano la sua tolleranza e per questo diventò un gran Papa. Noi avremmo bisogno di una papa come questo, se la cosa fosse ancora possibile. Con questo solo noi marceremmo più sicuramente all’assalto contro la Chiesa 
(Pagina 601 nel video)

Dalla clausura ai porti aperti (ilGIornale.it)


Le suore di clausura, con una lettera aperta, hanno chiesto di spalancare porti, portoni e portoncini all'arrivo dei migranti.

No, non è una barzelletta. Anche se gli elementi per una commedia degli equivoci e dei paradossi ci sarebbero tutti. Ma non è uno scherzo, è una delle tante inverosimili cronache estive sul dibattito che riguarda i migranti.

domenica 21 luglio 2019

«Non prego per il mondo, ma per quelli che m’hai dato» (di Francesco Lamendola)


Nel cenacolo di Gerusalemme, poco prima dell’arresto e della Passione, Gesù rivolge al Padre celeste la sua ultima, toccante preghiera per affidargli quelli che hanno creduto in Lui e accolto la sua parola. Alzando gli occhi al Cielo (e non verso i poveri, non verso i migranti, non verso le tribù dell’Amazzonia, coi loro stregoni e il loro animismo; e neppure verso l’ecologia, le specie in estinzione e la questione del mutamento climatico; no, ma verso il Padre celeste) dice testualmente, con un fervore straordinario (Giovanni 17, 1-25):

Betty Brennan uscita dal satanismo e convertita alla chiesa cattolica di Cristo

Betty Brennan racconta il suo cammino: da un’esistenza oscura precipitata nel satanismo, al suo incontro liberatorio con Cristo e al suo ritorno nella Chiesa Cattolica. E’ possibile ascoltare la sua testimonianza in lingua originale, dalla sua viva voce in una conferenza-incontro di preghiera, che è stata divulgata in molte radio ed anche distribuita in CD. E’ significativo notare come attualmente molte conversioni al Cristianesimo ci stiano arrivando proprio dagli Stati Uniti, dove il satanismo è più diffuso e radicato e dove esistono le sette più potenti: dove più la menzogna si diffonde, più emerge la Verità.

Questi sono i passi più importanti della testimonianza dell’ex-satanista Betty Brennan:

giovedì 18 luglio 2019

Il vaticano sostiene il PD ma chi si oppone viene punito, come avviene in Cina


Un sacerdote di Bologna, don Alfredo Morselli(vedi foto sopra), rompe la cappa di omertà e conformismo su Bergoglio. «I fedeli sono preoccupati per l'eccessiva attenzione di Francesco ai migranti. Intanto si dimenticano i veri principi non negoziabili.»

«Abbiamo perplessità dogmatiche e morali. A volte il papa sembra legittimare delle terribili eresie»

L'intervista è di Alessandro Rico a Don Alfredo Morselli del 17 luglio 2019, tratto dal sito: LaVerità (di Maurizio Belpietro)

mercoledì 17 luglio 2019

Le maggiori violenze sulle donne in Europa avvengono in ambienti musulmani (di Rino Cammilleri)


In testa alla classifica delle violenze sono Danimarca, Finlandia e Svezia comprese quella dell'immigrazione

L'Agenzia dell'Unione Europea per i diritti fondamentali ha creduto bene, alla vigilia della Festa della Donna, di rendere nota una sua allarmata ricerca sulla violenza perpetrata ai danni delle donne nei ventotto Paesi della Ue. I risultati della ricerca sono, in effetti, piuttosto tristi (62 milioni di donne vittime di violenze, anche se non necessariamente letali), ma le cifre magari farebbero un altro effetto se, accanto, riportassero quelle sugli uomini. Insomma, è il totale a dovere essere allarmante, non il parziale. Ma la nuova moda è dividere il popolo secondo il «gender», ognuno dei quali «gender» è impegnato a far punire le offese contro se stesso più pesantemente che gli altri. Comunque, era la Festa della Donna e, in attesa dell'istituzione di una Festa Lgbt, andiamo a vedere le risultanze della ricerca Ue. Ebbene, quel che subito salta all'occhio è la classifica dei Paesi «violenti con le donne».

Il cristiano è si pacifico, ma non pacifista (di Rino Cammilleri)


A uccidere sono le ideologie, non le armi (di Rino Cammilleri)

Uno dei pallini di questo pontificato, com'è noto, è quello delle armi. Nel senso di, riassumendo e strizzando, «ci sono le guerre perché ci sono i venditori di armi». Naturalmente, tali venditori, cattivi per definizione, sono tutti occidentali, perché, per esempio, Cina, Israele, India, Pakistan (potenze nucleari) non sono particolarmente inclini, per religione o ideologia, a dar retta al Papa.

martedì 16 luglio 2019

Secondo Bergoglio "Gesù ha fallito" (di Francesco Lamendola)

Per essere dei veri cristiani, secondo il gesuita Bergoglio, bisogna accettare sino in fondo il “fallimento” di Gesù?

Perché Bergoglio ama parlare del fallimento di Gesù?

C’è un concetto che Bergoglio, nella sua catechesi e nella sua omiletica, ama ripetere, e c’è una espressione sulla quale gli piace soffermarsi: il fallimento di Gesù. È un concetto conturbante ed è un’espressione che crea un forte disagio, un forte imbarazzo, un forte disorientamento nell’uditorio: i fedeli non sono affatto abituati a udire queste parole e non sentono come familiare un simile concetto. Al contrario. La Chiesa ha sempre insegnato che Gesù non ha fallito per niente la sua missione; che il suo Sacrificio ha redento l’umanità; che quanti, prendendo Gesù a modello, affrontano il suo stesso destino, ad esempio i martiri, riportano una vittoria clamorosa sul male e sul peccato, non certo un fallimento; e, inoltre, che “successo” e “fallimento” sono espressioni ingannevoli, se usate nel senso che attribuisce loro il mondo. Il cristiano ha un criterio di valutazione delle cose umane completamente diverso: ciò che per il mondo è follia, fallimento, sconfitta, per il cristiano può essere saggezza, vittoria e trionfo. Il Nuovo Testamento è pieno di simili parallelismi e di simili espressioni: usare perciò il vocabolo “fallimento” nel senso che gli dà il mondo, cioè giudicando in base alle apparenze, e farlo applicandolo alla Persona di Gesù Cristo, è qualcosa di totalmente inaccettabile. Chi lo fa, o non ha capito nulla del cristianesimo, oppure bara al gioco, e lo fa in piena coscienza.

Non c'è da scherzare con Dio. Il giusto castigo divino (terremoto di Messina 1908)

Resti della Chiesa del Rosario di Reggio Calabria


CERTI AVVENIMENTI PIU' CHE ALLA LUCE NATURALE, DOVREBBERO ESSERE GUARDATI ALLA LUCE DELLA FEDE.

Per la festa dell'Immacolata del 1908, in un giornaletto umoristico di Messina apparve una poesia, in cui si metteva in caricatura la purezza verginale della Madonna.

Per il Natale dello stesso anno «Il Telefono», giornale irreligioso, pubblicò una poesia satirica contro Gesù Bambino.

Nel pomeriggio della domenica, 27 dicembre, apparvero attaccate ai muri della città strisce di carta con parole: «Gesù Cristo non è mai esistito».

Le enormi conseguenze dell’apostasia dell’Occidente (Di Rodolfo Casadei)

Periodicamente i media ci informano della diminuzione del numero dei cristiani praticanti nei paesi europei e della lenta ma continua ascesa del numero degli agnostici e degli atei. L’ultimo caso è quello di un sondaggio sulla religiosità in Italia commissionato dalla Uaar (Unione degli atei, agnostici e razionalisti) alla Doxa dal quale risulterebbe che in soli cinque anni il numero di credenti cattolici è diminuito di quasi otto punti percentuali mentre il numero di atei e agnostici sarebbe cresciuto di 5 (passando dal 10 al 15 per cento).

India, 12 famiglie cristiane minacciate di morte, costrette a “riconvertirsi” (Tempi.it)


Solo due famiglie hanno accettato di adorare la dea locale, le altre sono fuggite ma non hanno più nulla. «È un nostro diritto fondamentale praticare la fede cristiana, non abbiamo commesso crimini»

I leader locali di un villaggio dell’India orientale hanno tentato di costringere 12 famiglie cristiane ad adorare una dea tradizionale, rinunciando alla fede cristiana, sotto minacce di morte. Dieci delle 12 famiglie si sono rifiutate e sono fuggite, mentre il capo villaggio appoggiato dagli estremisti indù ha assicurato che li ucciderà se li «scoprirà a pregare di nuovo dopo il “rito di riconversione”».

Il nazifascismo? Una categoria storica che non c’è (di Francesco Lamendola)


Una delle ragioni, e forse la principale, per cui il fascismo ha goduto a lungo presso l’opinione pubblica, e in gran parte seguita a godere, di una fama così cattiva da esser praticamente divenuto sinonimo di violenza gratuita, stupidità barbarica e tracotante disprezzo dei ditti altrui, è che viene sovente associato al nazismo in un tutto unico, una specie d’ippogrifo chiamato nazifascismo. D’altra parte, questa associazione non riposa su una riconosciuta categoria storica – riconosciuta dagli storici seri, perlomeno – bensì su di una operazione ideologica, che è stata fatta da alcuni storici di parte, tutti o quasi tutti militanti nei partiti e nelle ideologie di sinistra, nonché da un certo numero di giornalisti, scrittori e opinionisti, accomunati da un‘avversione pregiudiziale verso il fascismo, da essi ritenuto intrinsecamente malvagio, senza nulla di buono o di onesto, al punto da essersi “naturalmente” associato al nazismo, il movimento più malvagio in assoluto che la storia abbia mai partorito.

venerdì 12 luglio 2019

La California ritira l’obbligo di violare il segreto confessionale (Tempi.it)


La California ha ritirato la proposta di legge che avrebbe costretto i sacerdoti cattolici a violare il segreto confessionale. La legge doveva essere discussa il 9 luglio in commissione alla Camera ma un rapporto parlamentare presentato il giorno precedente ha evidenziato come il testo del disegno di legge avrebbe violato il Primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che garantisce la terzietà della legge rispetto al culto e al libero esercizio della religione.

In morte di Vincent tra l’abbandono dei Pastori e il gregge che lotta (LaNuovaBQ.it)


La nostra avventura con Vincent era iniziata il 16 aprile 2018, una manciata di giorni prima dell’assassinio di Alfie. Benedetta Frigerio seguiva con fede, passione e competenza la vicenda del bimbo inglese e quotidianamente ci sfornava notizie “calde”: un cibo che, però, veniva sempre più condito da lacrime amare. Nel frattempo in Francia, il dottor Vincent Sanchez dell’ospedale CHU di Reims rendeva noto ai familiari che il 19 aprile avrebbe iniziato la procedura per sospendere l’idratazione e l’alimentazione a Vincent Lambert.

Parabola del Buon Samaritano (Luca 10,25-37)


"Un dottore della legge si alzò per metterlo alla prova: «Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Che cosa vi leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente e il prossimo tuo come te stesso». E Gesù: «Hai risposto bene; fa' questo e vivrai».

Ma quegli, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è il mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti che lo spogliarono, lo percossero e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e quando lo vide passò oltre dall'altra parte. Anche un levita, giunto in quel luogo, lo vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno. Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti?». Quegli rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va' e anche tu fa' lo stesso».

giovedì 11 luglio 2019

Peccato originale: Il Ruolo del Demonio

Risultati immagini per eva e la mela"Ora il serpente era astuto più di tutti gli animali selvatici che Dio aveva fatto e disse alla donna: 'Davvero Dio vi ha detto di non mangiare di alcun albero di questo giardino?' Rispose la donna al serpente: 'Noi possiamo mangiare i frutti degli alberi che stanno in questo giardino, ma in quanto al frutto dell'albero che sta in mezzo al giardino Dio ci ha detto - Non mangiatene, anzi neppure toccatelo, altrimenti morirete'. Allora il serpente disse alla donna: 'No, voi non morirete, anzi Dio sa che il giorno in cui voi mangerete, vi si apriranno li occhi e sarete come Dio, conoscitori del bene e del male': La donna vide che l'albero era buono a mangiarsi, piacevole agli occhi e desiderabile per avere la conoscenza. Colse perciò del suo frutto e ne diede all'uomo, che era con lei, il quale pure ne mangiò. Allora si aprirono gli occhi di ambedue e conobbero di essere nudi, intrecciarono delle foglie di fico e ne fecero delle cinture' (Genesi 3,1-7).

Commiato dal diavolo? Ma è lui che non s’accomiata (di Francesco Lamendola)


Commiato dal diavolo? Ma è lui che non s’accomiata. Un precursore del Concilio padre Santangelo? Egli era convinto che "Massoneria e lobby ebraica dell’alta finanza" mirino a intronizzare un messia ebreo come nuovo re del mondo

Strano destino, quello di padre Ildebrando Antonino Santangelo (Adrano, 30 luglio 1913-8 dicembre 1992), sacerdote catanese, parroco della chiesa di San Pietro in Adrano, trasformata dalla sua luminosa presenza in un centro vivissimo di spiritualità. Di lui abbiano già parlato una volta (cfr. l’articolo: Ildebrando A. Santangelo, un vero uomo di Dio, “rimosso” perché politicamente scorretto, pubblicato sul sito dell’Accademia Nuova Italia il 02/02/18). Anni fa era uscita una biografia di Nicolò Scuderi, intitolata: Il servo di Dio padre Ildebrando Antonino Santangelo (Torino, Elledici, 2008), il cui sottotitolo è già, di per se stesso, tutto un programma: Un sacerdote che ha precorso parecchie idee del Concilio Vaticano II, dove non si sa se restare scandalizzati per la vergognosa mistificazione o ammirati, in certo qual senso, dalla perfetta disinvoltura di cui sa fare bellamente sfoggio la contro-chiesa di questi gloriosi tempi post-conciliari, ecumenici e dialoganti. Un precursore del Concilio, padre Santangelo? 

Ecco i paesi che hanno alzato i muri, in primis il vaticano (di Antonio Socci)



Diceva Totò che ci sono le cose vere e quelle supposte. Spesso i media dimenticano le cose vere per usare le seconde – le (cose) supposte – contro i propri avversari politici.

E’ il caso dei “muri”, ovvero le barriere (rafforzate) di confine fra gli stati. I media sono interessati solo a due muri, quello che Donald Trump vuole costruire sul confine messicano e quello che Matteo Salvini ha ipotizzato per la frontiera con la Slovenia.

lunedì 8 luglio 2019

Maledetti traditori del corpo mistico di Cristo (Di Francesco Lamendola)



Sia maledetto chi tradisce il "Corpo mistico di Cristo". Il vertice della Chiesa è Cristo stesso il suo unico Capo e il suo unico Maestro: il tradimento più grave, più odioso, più imperdonabile è quello del Suo vicario in terra


La Chiesa non è solo un’istituzione umana, non è formata solo dagli uomini viventi, che ne sono la parte visibile: è il Corpo mistico di Cristo, ispirata da Dio, protetta dagli Angeli e formata da tutte le anime sante, dei vivi e dei trapassati, sia quelle che si trovano in Paradiso che quelle che si trovano nel Purgatorio, in attesa della purificazione completa. Pertanto, tradire la Chiesa non è un’azione paragonabile al tradimento nei confronti di un governo, di uno Stato o di una qualsiasi altra istituzione terrena; è una cosa completamente diversa, la cui gravità non è neppur lontanamente paragonabile ad essa. Non vi è paragone possibile fra l’umano e il divino, fra ciò che attiene all’ordine naturale e ciò che appartiene all’ordine soprannaturale.

Il Papa prega per i porti aperti: "Per Dio nessuno è straniero"


Il Pontefice dice messa a favore dell'accoglienza: "I migranti sono prima di tutto esseri umani, non questioni sociali"

Nel corso della mattinata di oggi, papa Francesco ha celebrato una messa per i migranti in funzione del sesto anniversario della sua visita apostolica nell'isola di Lampedusa.

mercoledì 3 luglio 2019

Ma non lo vedete che siete ridicoli!? (di Francesco Lamendola)


Nel film di Carlo Verdone Compagni di scuola, del 1988, a un certo punto Christian De Sica, cantante fallito e schiacciato dai debiti, tenta di vendere una patacca di quadro al commerciante di carni arricchito Angelo Bernabucci; prima chiede una grossa cifra, poi la riduce progressivamente, alla fine si umilia, mettendosi praticamente in ginocchio, a implorare l’ex compagno di scuola; il quale, dopo aver fatto qualche sprezzante e sarcastica osservazione sulla pretesa opera d’arte, gli volta le spalle e lo pianta in asso senza tante cerimonie, dicendogli impietosamente: Ma rialzati, non lo vedi che sei ridicolo! Quella scena, vista molti anni fa sullo schermo, ci è tornata fatalmente alla memoria di fronte ad alcune scene e ad alcuni personaggi che stanno affollando le cronache italiane in questi caldissimi giorni di fine giugno e dei primi di luglio del 2019, specie riguardo alla vicenda che ha visto al centro la nave Sea Watch e la sua comandante, la tedesca Carola Rackete, che è entrata di forza nel porto di Lampedusa, speronando un motoscafo delle Fiamme Gialle, la sera del 29 giugno.

martedì 2 luglio 2019

Il card. Brandmuller denuncia "eresia" e "apostasia" nel documento vaticano del prossimo sinodo (di Antonio Socci)

 

Con il documento vaticano per il Sinodo sull’Amazzonia il pontificato bergogliano ha il suo manifesto ufficiale di estrema sinistra. Da “socialismo surreale”.

Dopo Trump e Salvini anche il presidente brasiliano Bolsonaro è oggi fra i nemici: tutti e tre emblemi dell’odiato Occidente dei popoli di tradizione romano-cristiana che non rinnegano radici e identità.

Questo “Instrumentum laboris” vaticano – ha scritto José Antonio Ureta – “rappresenta lo spalancamento totale delle porte del Magistero alla Teologia India e alla Ecoteologia, due derivati latinoamericani della Teologia della Liberazione, i cui corifei, dopo il crollo dell’URSS e il fallimento del ‘socialismo reale’, attribuirono ai popoli indigeni e alla natura il ruolo storico di forza rivoluzionaria, in chiave marxista”.

TRATTO DAL FILM: "BEN HUR" CHE INCONTRA GESU' CHE LO DISSETA (LA SUA STRAORDINARIA MISERICORDIA)

ARTICOLI PIU' VECCHI IN ORDINE CASUALE

COMMENTI RECENTI

Profezie della Madonna a Baron Renato sull'invasione dei rifugiati ai giorni nostri

ADESSO VUOL MODIFICARE PURE IL PADRE NOSTRO, COI COMPLIMENTI DI "SAN" LUTERO...